Babbuti: cosa significa questa parola?

di Domenico Passantino*

Vito Graziano, in Canti e Leggende, Usi e Costumi di Ciminna, a p. 100, a proposito dei confrati del SS. Sacramento dice: “il distintivo consiste in un camice bianco stretto ai lombi da un cordone rosso detto cingolo, mantelletta rossa, cappuccio bianco con visiera a buchi e una placca a sinistra del petto con l’effigie del SS. Sacramento”.

Sembra strano, ma il termine che siamo soliti utilizzare per chiamare il confrate così vestito non viene riportato dal Graziano, che non scrive mai “babbuto” al singolare né al plurale “babbuti”.

Ebbene la simbologia legata a questo particolare vestiario è andata pian piano a finire nel dimenticatoio e così pure l’etimologia e quindi il significato del termine “babbuto”.

La parola “babbuto” affonda le sue radici nel greco antico “pappos” e poi nel latino classico “pappus”, che è anche personaggio dell’Atellana e rappresenta il vecchio sciocco.

È molto interessante notare che i confrati delle svariate confraternite campane, in occasione del Venerdì Santo, si agghindano in maniera simile ai nostri “babbuti” e vengono chiamati “paputi”. Allego link: http://www.ilportaledelsud.org/sarno_2.htm

E dunque cosa significa babbuto o paputo?

Riporto di seguito la definizione di “paputo” che danno alcuni dizionari del dialetto napoletano e di conseguenza della variante nostrana “babbuto”:

Vocabolario delle parole del dialetto napoletano che piu si discostano dal dialetto toscano di Ferdinando Giuliani 1789, tomo primo, p. 15.

Paputo: fantasma, figura coperta di strano vestimento di panni. Deriva forse da “papa” per le rappresentazioni che di esso talvolta con istrane fogge di vestimenti i fanciulli fanno, ovviamente della parola greca pappos trasportata dai Latini in pappus, che dinota “vecchio”, perché i vecchi vestendo alla antica maniera, sembrano vestire stranamente.

Vocabolario napoletano-toscano domestico di arti e mestieri, di R. D’Ambra, Napoli 1873, p. 277

Paputo: nome dato dal popolo a gnomi, folletti, per acchetare i bimbi inquieti, come in questi primi versi di ninna nanna che cantano le madri addormentando i loro figlioletti. “Ninna nanna, ca vene Paputo: oh, ho. “– 2. Nome assegnato parimenti al demonio, ed anche all’Inferno.

“Babbuto” perciò è variante della parola napoletana “paputo” e deriva a sua volta dal greco pappos, che vuol dire “vecchio” e dal latino pappus con lo stesso significato.

Un’usanza medievale, che sa di penitenza ed espiazione.

Le anime dei confrati vestiti come dei vecchi sono vecchie esse stesse e hanno bisogno di rinascere ed essere rinnovate dal Corpo di Cristo, del quale essi si portano addosso simbolicamente i tratti: la mantella rossa potrebbe essere simbolo del martirio (si pensi alla statua dell’Ecce homo), i colori bianco e rosso rappresenterebbero rispettivamente il corpo e il sangue di Cristo. Simboli che andrebbero approfonditi.

*da domenicopassantino83.wordpress.com