angolo poesie Archive

  • di Angolo Poesie* La festa dell’Addolorata si avvicina e Ciminna sente forte questa devozione. Ogni Ciminnese si inchina davanti a lei, affidandole preghiere e preoccupazioni. Pensando a “Matri Addulurata” non posso non pensare, a tutte quelle madri che, portano nel cuore un grande dolore per un figlio che non c’è più o che soffre. Queste parole sono per lei, per loro. É Addulurata sta Matri picchi persi a so figghiu e quannu una Matri arresta sula, a so vita perdi ogni appigghiu. Quantu duluri rintra u pettu ri sta matri, quannu a […]

    “Matri amurusi e addulurati”, poesia di Pina Maria Scibetta

    di Angolo Poesie* La festa dell’Addolorata si avvicina e Ciminna sente forte questa devozione. Ogni Ciminnese si inchina davanti a lei, affidandole preghiere e preoccupazioni. Pensando a “Matri Addulurata” non posso non pensare, a tutte quelle madri che, portano nel cuore un grande dolore per un figlio che non c’è più o che soffre. Queste parole sono per lei, per loro. É Addulurata sta Matri picchi persi a so figghiu e quannu una Matri arresta sula, a so vita perdi ogni appigghiu. Quantu duluri rintra u pettu ri sta matri, quannu a […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* Festeggiamenti per la classe di ciminnesi nati nell’anno 1967  che raggiungono il traguardo dei 50 anni di età. Il loro maestro Saverio La Paglia li ha omaggiati con una poesia scritta per l’occasione e letta durante il momento di convicialità che hanno vissuto tutti assieme lo scorso mese di agosto. 50 volte auguri a voi Come se cinquant’anni non fossero passati oggi alunni e maestri siam tornati per festeggiar di vostra età gli “anta” che legger potete a pagina cinquanta. Insieme abbiamo della vita percorso un cammino dove […]

    50 volte auguri a voi, poesia di Saverio La Paglia

    di Angolo Poesie* Festeggiamenti per la classe di ciminnesi nati nell’anno 1967  che raggiungono il traguardo dei 50 anni di età. Il loro maestro Saverio La Paglia li ha omaggiati con una poesia scritta per l’occasione e letta durante il momento di convicialità che hanno vissuto tutti assieme lo scorso mese di agosto. 50 volte auguri a voi Come se cinquant’anni non fossero passati oggi alunni e maestri siam tornati per festeggiar di vostra età gli “anta” che legger potete a pagina cinquanta. Insieme abbiamo della vita percorso un cammino dove […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* Fluttuando pe’ l’mar di social teca virtual bottiglia messaggera reca patetico messaggio di commiato al popolo sovrano indirizzato Così mascherar si vuol idilli infidi e insinceri Così agir si suol da degni saltinbanchi e giocolieri D’odio gli occhi colmi e sguardo inquisitor a fulminar ogn’istante l’transfugo traditor Lingua avulsa d’ossa ma d’essi smembrator tra idrofobi canini di rabbia detentor Considerar la plebe gonade o leggera ad essa pagar dazio alla lunga si doveva Prender pe’ l’ano altri si poteva non chi sciente dell’ito tempo era Or che Crono […]

    Poesia: Saltingioco

    di Angolo Poesie* Fluttuando pe’ l’mar di social teca virtual bottiglia messaggera reca patetico messaggio di commiato al popolo sovrano indirizzato Così mascherar si vuol idilli infidi e insinceri Così agir si suol da degni saltinbanchi e giocolieri D’odio gli occhi colmi e sguardo inquisitor a fulminar ogn’istante l’transfugo traditor Lingua avulsa d’ossa ma d’essi smembrator tra idrofobi canini di rabbia detentor Considerar la plebe gonade o leggera ad essa pagar dazio alla lunga si doveva Prender pe’ l’ano altri si poteva non chi sciente dell’ito tempo era Or che Crono […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* Estate Strade deserte Chat aperte Pomeriggi desolati Minuti illimitati Nessun pallone Nessuna risata da ombrellone Conversazioni su whatsapp La vita diventa tutta un’app Mi piace commenta condividi Le ginocchia senza lividi Metà cyborg metà umani I ragazzini muovono solo le mani Pollici incollati Ai tablet collegati poi mentre sono nella mia stanza, mi si riaccende la speranza da fuori sento una cantilena strana e allor la mia speranza non è vana, la ripetevo anch’io da bambino per far la conta per giocar a nascondino. *di Davide D’Alessandro

    Estate, poesia di Davide D’Alessandro

    di Angolo Poesie* Estate Strade deserte Chat aperte Pomeriggi desolati Minuti illimitati Nessun pallone Nessuna risata da ombrellone Conversazioni su whatsapp La vita diventa tutta un’app Mi piace commenta condividi Le ginocchia senza lividi Metà cyborg metà umani I ragazzini muovono solo le mani Pollici incollati Ai tablet collegati poi mentre sono nella mia stanza, mi si riaccende la speranza da fuori sento una cantilena strana e allor la mia speranza non è vana, la ripetevo anch’io da bambino per far la conta per giocar a nascondino. *di Davide D’Alessandro

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* I dati dâ memoria 23 maggio/ 19 luglio A maggiu, tempu ri favi e di cirasi maiulini, i tinti si ‘nmiscanu chi bravi e i scarti chi cretini.  . Tutti pensanu e su siddiati pi chiddi chi mureru ammazzati e dicinu ca un c’è nenti di cchiù lariu di Falcone e Borsellinu ca satàru ‘ntall’ariu”. . Minchia, quantu semu sdisonurati, nuatri chi ‘nta sti iurnati chiamamu i strati cu i nomi d’iddi, quantu semu picciriddi, nuatri, chi facemu i minchia pi un ghiri surdati, e stamu ccà ‘nta st’Isola […]

    “I dati dâ memoria”, poesia di Domenico Passantino in occassione del 25° anniversario delle stragi del 23 maggio e del 19 luglio 1992

    di Angolo Poesie* I dati dâ memoria 23 maggio/ 19 luglio A maggiu, tempu ri favi e di cirasi maiulini, i tinti si ‘nmiscanu chi bravi e i scarti chi cretini.  . Tutti pensanu e su siddiati pi chiddi chi mureru ammazzati e dicinu ca un c’è nenti di cchiù lariu di Falcone e Borsellinu ca satàru ‘ntall’ariu”. . Minchia, quantu semu sdisonurati, nuatri chi ‘nta sti iurnati chiamamu i strati cu i nomi d’iddi, quantu semu picciriddi, nuatri, chi facemu i minchia pi un ghiri surdati, e stamu ccà ‘nta st’Isola […]

    Continue Reading...

  • Diretta web “Sicilitudine e Spartenza” racconti e poesie di Domenico Passantino

    Continue Reading...

  • A Monsignor Salvatore Grifo Nel 70° dell’Ordinazione Sacerdotale (1947 – 2017)   Mostravi fin da piccolo l’ardore di diventar del Cristo servitore. A Lui con Amor ti consacrasti e novello sacerdote diventasti.   Cavalli e cavalieri, angeli e stallieri in quel di Loreto t’hanno accolto sfilando tra gli applausi e per Te fieri tra i parenti che in questo Amore hai coinvolto.   Sembra ieri 1947, invece settant’anni sono che vissuto hai nella Chiesa questo dono gli umili sempre pronto ad aiutare ed il Verbo del Cristo con forza predicare. […]

    Angolo Poesie: A Monsignor Salvatore Grifo nel 70° dell’Ordinazione Sacerdotale (1947 – 2017)

    A Monsignor Salvatore Grifo Nel 70° dell’Ordinazione Sacerdotale (1947 – 2017)   Mostravi fin da piccolo l’ardore di diventar del Cristo servitore. A Lui con Amor ti consacrasti e novello sacerdote diventasti.   Cavalli e cavalieri, angeli e stallieri in quel di Loreto t’hanno accolto sfilando tra gli applausi e per Te fieri tra i parenti che in questo Amore hai coinvolto.   Sembra ieri 1947, invece settant’anni sono che vissuto hai nella Chiesa questo dono gli umili sempre pronto ad aiutare ed il Verbo del Cristo con forza predicare. […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* contributo audio dell’autore CIMINNA Sutta i minni ru Pizzu, trazzeri ri sterru e ‘ncracatizzu mi portanu drittu a una matri e a una minna mi portanu o me paisi: a Ciminna. Ti vogghiu beniri ca peddi e cu tutti l’ossa, Ciminna chi strati tutti fossa fossa, Ciminna unnè chi nenti si movi, unnè chi i cosi vecchi si cunfunninu cu chiddi novi. Com’è ca si sugnu cca mi stanchi e si mi nni vaiu mi manchi? Un paisi unnè chi un c’è nenti, si cuntanu e si […]

    “Ciminna” poesia di Domenico Passantino

    di Angolo Poesie* contributo audio dell’autore CIMINNA Sutta i minni ru Pizzu, trazzeri ri sterru e ‘ncracatizzu mi portanu drittu a una matri e a una minna mi portanu o me paisi: a Ciminna. Ti vogghiu beniri ca peddi e cu tutti l’ossa, Ciminna chi strati tutti fossa fossa, Ciminna unnè chi nenti si movi, unnè chi i cosi vecchi si cunfunninu cu chiddi novi. Com’è ca si sugnu cca mi stanchi e si mi nni vaiu mi manchi? Un paisi unnè chi un c’è nenti, si cuntanu e si […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* Ni pigghianu p’u locu . Quantu su beddi ‘sti me paisaneddi, quantu su sapuriti quannu si sciarrianu e fannu liti: sunnu comu i ziti, un fussiru “belli belli” si un fussiru puru “litigarelli”. . Pi l’elezioni hannu stu viziu purtroppu, di fari u comiziu, unnu vonnu capiri ca ‘nveci di chiacchiri s’avissiru a mettiri i maschiri, ca ‘nveci di chiacchiariari s’avissiru a ghiri a ‘mmucciari. . Affacciàti o finistruni l’haiu vistu comu u papa o u presirenti, oppuru i viu ‘nmenzu i genti comu fussiru Gesù Cristu: […]

    Poesia: Ni pigghianu p’u locu

    di Angolo Poesie* Ni pigghianu p’u locu . Quantu su beddi ‘sti me paisaneddi, quantu su sapuriti quannu si sciarrianu e fannu liti: sunnu comu i ziti, un fussiru “belli belli” si un fussiru puru “litigarelli”. . Pi l’elezioni hannu stu viziu purtroppu, di fari u comiziu, unnu vonnu capiri ca ‘nveci di chiacchiri s’avissiru a mettiri i maschiri, ca ‘nveci di chiacchiariari s’avissiru a ghiri a ‘mmucciari. . Affacciàti o finistruni l’haiu vistu comu u papa o u presirenti, oppuru i viu ‘nmenzu i genti comu fussiru Gesù Cristu: […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* Fare le rime è sintomo di un pensiero ossessivo-compulsivo, le scrivi quando dubiti di essere vivo, vedi, anche io ci provo, anche io le scrivo, perché sono un recidivo, scrivi perché sei schivo o perché vuoi diventare un divo. La rima è una forma di pensiero, di chi proprio non riesce ad essere leggero, la rima è un pensiero reale di chi bene o male non si accontenta, di chi tenta di chi ostenta quello che gli fa male, è un turbinare,  una spirale che ti abbraccia, […]

    Poesia: La rima

    di Angolo Poesie* Fare le rime è sintomo di un pensiero ossessivo-compulsivo, le scrivi quando dubiti di essere vivo, vedi, anche io ci provo, anche io le scrivo, perché sono un recidivo, scrivi perché sei schivo o perché vuoi diventare un divo. La rima è una forma di pensiero, di chi proprio non riesce ad essere leggero, la rima è un pensiero reale di chi bene o male non si accontenta, di chi tenta di chi ostenta quello che gli fa male, è un turbinare,  una spirale che ti abbraccia, […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* Stu tempu ni tribbìa comu un lavuri mitutu: u tempu chi t’u cuntu e semu già fumeri apparutu, stamu anticchia peri peri e a mumentu addivintamu fumeri. U suli quannu nesci tu nasci e t’abbrazza e poi, quannu ci dici a testa, macari mancu t’amminazza e una notti ri bonu e bonu pigghia e t’ammazza: sta vita ni macìna a tutti comu una mulazza. E allura a chi servi ca iti a missa si poi vi pigghiati pi fissa, chi veni a diri tutta sta mascarata siddu […]

    Angolo Poesie: Musicale siciliane

    di Angolo Poesie* Stu tempu ni tribbìa comu un lavuri mitutu: u tempu chi t’u cuntu e semu già fumeri apparutu, stamu anticchia peri peri e a mumentu addivintamu fumeri. U suli quannu nesci tu nasci e t’abbrazza e poi, quannu ci dici a testa, macari mancu t’amminazza e una notti ri bonu e bonu pigghia e t’ammazza: sta vita ni macìna a tutti comu una mulazza. E allura a chi servi ca iti a missa si poi vi pigghiati pi fissa, chi veni a diri tutta sta mascarata siddu […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* So che la stavate aspettando e allora ve la regalo. Poesia pi l’elezioni r’i mancia-franchi (tantu pi farivi fari quattru cianchi!) Vitti ca sti rimi fatti cu sintimentu lassanu u me populu assai cuntentu, e siccomu ‘nta me testa ci ficiru una speci di maarìa, forsi pi sdegnu o forsi sulu pi divertimentu, ora pigghiu e ci scrivu n’autra bella poesia. È tempu d’elezioni e allura vi cuntu r’i tinti e vi cuntu r’i boni. Cca si parra di libertà e democrazia, e di fari i cosi […]

    L’elezioni r’i mancia-franchi

    di Angolo Poesie* So che la stavate aspettando e allora ve la regalo. Poesia pi l’elezioni r’i mancia-franchi (tantu pi farivi fari quattru cianchi!) Vitti ca sti rimi fatti cu sintimentu lassanu u me populu assai cuntentu, e siccomu ‘nta me testa ci ficiru una speci di maarìa, forsi pi sdegnu o forsi sulu pi divertimentu, ora pigghiu e ci scrivu n’autra bella poesia. È tempu d’elezioni e allura vi cuntu r’i tinti e vi cuntu r’i boni. Cca si parra di libertà e democrazia, e di fari i cosi […]

    Continue Reading...

  • di Angolo Poesie* A smanettar ‘Ciminna Attiva’ in virtual teca, sobbalzar mi fecero, degni versi di scaffal di biblioteca. L’ autor scrivente tal magister ‘Redentor Sottile’ nel titolar l’proprio poema avveduto scelse l’nettare di guscio spadellato da quel siculo messére, che non accosto’ la porta all’uscio ma che dai possenti gangheri svellò e su sua dorsal colonna la portò. Il declamar di cotal rimar m’impone, accurata quanto arguta riflessione. Sbilanciar mi vo’ su tal verseggiar sarcastico superior di certo a li poeti sommi e quasi al par di Maurizio Lastrico. […]

    Di Giufà in Giufà, riferimenti poetici

    di Angolo Poesie* A smanettar ‘Ciminna Attiva’ in virtual teca, sobbalzar mi fecero, degni versi di scaffal di biblioteca. L’ autor scrivente tal magister ‘Redentor Sottile’ nel titolar l’proprio poema avveduto scelse l’nettare di guscio spadellato da quel siculo messére, che non accosto’ la porta all’uscio ma che dai possenti gangheri svellò e su sua dorsal colonna la portò. Il declamar di cotal rimar m’impone, accurata quanto arguta riflessione. Sbilanciar mi vo’ su tal verseggiar sarcastico superior di certo a li poeti sommi e quasi al par di Maurizio Lastrico. […]

    Continue Reading...

  • Spiranza   L’ura prima ca spunta u suli, du amanti ca aspettanu r’arristari suli; è sentiri u ciavuru ri ‘na torta, mentri torni a casa e sta’ rapennu a porta, è manciarisilla sulu sintennu u ciavuru; è u friscu ra sira dopu na iurnata ri cavuru.   Sunnu l’occhi ri cu ti voli beni, ri cu a tia veramenti ci teni. Spiranza è sta Terra Mia ca pari sicca, ma chi si la zappi e la simini la vidrai ricca.   Spiranza è un cocciu ri simenza, è to matri […]

    Angolo Poesie: “Spiranza” di Davide D’Alessandro

    Spiranza   L’ura prima ca spunta u suli, du amanti ca aspettanu r’arristari suli; è sentiri u ciavuru ri ‘na torta, mentri torni a casa e sta’ rapennu a porta, è manciarisilla sulu sintennu u ciavuru; è u friscu ra sira dopu na iurnata ri cavuru.   Sunnu l’occhi ri cu ti voli beni, ri cu a tia veramenti ci teni. Spiranza è sta Terra Mia ca pari sicca, ma chi si la zappi e la simini la vidrai ricca.   Spiranza è un cocciu ri simenza, è to matri […]

    Continue Reading...

Close
Segui Agorà Ciminna per rimanere aggiornato
Clicca mi piace