L’oratorio torna a vivere

di Agorà Ciminna

Ieri venerdì 25 maggio alla presenza di tanti giovani e meno della Parrocchia “Santa Maria Maddalena” è stato benedetto e riaperto al pubblico l’oratorio parrocchiale, già oratorio del SS. Rosario, oggi intitolato a San Filippo Neri e San Giovanni Bosco, padri della vocazione oratoriana. È stato un momento di gran festa ed emozioni, non solo per chi fruisce per la prima volta di questo spazio, ma anche per gli adulti che lì ci sono cresciuti e ne testimoniano con le parole ma anche con i semplici gesti, ciò che questa palestra di vita ha saputo donare ad ognuno di loro negli anni giovanili.
“L’oratorio è vostro, è della comunità parrocchiale non fatevelo rubare adesso che è riaperto” queste le parole di Padre Giuseppe Di Giovanni, Arciprete Parroco della comunità di Ciminna, che della vocazione oratoriana filippina ne ha fatto un carisma di fede e di vita. Alla riapertura hanno partecipato Don Marino Neri che ha presentato il suo libro “Salirò all’altare di Dio. Principi di Sacra Liturgia”, una rappresentanza dell’A.C.A.M. “G. Verdi” di Ciminna che ha eseguito un intermezzo sulle note del canto “Preferisco il Paradiso” ed il giovane Salvatore Giancola che ha parlato della figura di San Filippo Neri di cui oggi la Chiesa ne festeggia la Solennità. Continuano oggi i momenti di festa in oratorio, alle 15:30 “La festa della Gioia” con i bambini e ragazzi.

Condividiamo anche il bello augurio fatto pervenire da Padre Mariano Corrado:

“Carissimo Padre Di Giovanni
Carissimi amici di Ciminna
rivolgere un affettuoso pensiero a tutti voi in occasione dell’inaugurazione dell’Oratorio di San Filippo Neri è
per noi motivo di grande gioia. L’Oratorio non è solo un “luogo”, anche se di un luogo c’è bisogno, l’Oratorio
è una esaltante esperienza di vita umana, culturale e spirituale, dove il Santo della gioia e dei giovani diventa
il maestro e la guida nella crescita di quanti vorranno seguire le sue orme. Noi Padri Oratoriani siamo certi
che il carisma di Padre Giuseppe saprà infiammare Ciminna di quello stesso fuoco che infiammò il cuore di
San Filippo Neri nella Pentecoste del 1554 nelle catacombe di San Sebastiano a Roma. Vi posso garantire,
carissimi amici, che nella nostra esperienza di mezzo secolo nell’Oratorio, mai nessuno di quelli che ci hanno
conosciuti, si è pentito di aver vissuto gli anni più belli della loro vita all’Oratorio. Pertanto, auguri vivissimi e
tutta la nostra disponibilità a collaborarvi e a starvi vicini per non farvi sentire soli, anzi per farvi respirare la
stessa armonia e amicizia che si respira in tutti gli Oratori filippini sparsi nel mondo e che vivono una
comunione spirituale veramente straordinaria, dalla Germania all’Africa, dall’America all’Austria, dalla
Spagna alla Francia e da questo momento in poi da Aci Catena a Ciminna. Un abbraccio affettuoso al carissimo
Padre Giuseppe, a tutti i suoi collaboratori e a tutti gli aspiranti oratoriani d Ciminna. Gesù Cristo, la Vergine
Maria Regina dell’Oratorio e il nostro Padre Filippo Neri vi ricolmino di ogni grazia e benedizione.
P. Mario Corrado Magnano Preposito”

Ci uniamo anche noi di Agorà Ciminna alla gioia per questo importante evento che si è celebrato nella nostra comunità rinnovando la nostra stima nei confronti del Parroco che ha mantenuto gli impegni presi e  per la preziosa collaborazione nell’attività pastorale che ogni giorno svolge per la nostra comunità.