“Matri amurusi e addulurati”, poesia di Pina Maria Scibetta

di Angolo Poesie*

La festa dell’Addolorata si avvicina e Ciminna sente forte questa devozione. Ogni Ciminnese si inchina davanti a lei, affidandole preghiere e preoccupazioni. Pensando a “Matri Addulurata” non posso non pensare, a tutte quelle madri che, portano nel cuore un grande dolore per un figlio che non c’è più o che soffre. Queste parole sono per lei, per loro.

É Addulurata sta Matri picchi persi a so figghiu
e quannu una Matri arresta sula,
a so vita perdi ogni appigghiu.
Quantu duluri rintra u pettu ri sta matri,
quannu a viremu ni si sciogghi u cori
a tutti nuatri.
Quanti preghieri affirati o so cospettu.
A Maronna è surgenti r’amuri
È a Matri ri nostru Signuri.
Quantu Matri addulurati ci su
‘nta stu munnu.
Cu chianci figghi morti, cu ammalati,
cu figghi rassegnati.
I taliu e pensu a idda.
I Matri su forti Però, mettinu ri latu
U duluri e lottano pi salvari sti figghi
ca su fruttu r’amuri.
Ciminna ti consegna i so speranzi
cu granni firi.
Ni mittemu sutta u to mantu.
Matri Addulurata guardani tu,
fanni grazia ru stessu amuri
Chi dasti a to figghiu Gesù.

*di Pina Maria Scibetta