Poesia: I me’ picciriddi

di Piera Sacco

phoca_thumb_l_inaugurazione_anno_scolastico_2010-11 001

E un altro anno scolastico è passato, anzi, direi…volato!
La scuola sembra cadenzarti il tempo a un’altra velocità…
Questo pomeriggio, invece, il tempo ha cambiato marcia, scorre lentamente. Oggi l’impegno, le responsabilità, le soddisfazioni, le amarezze, gli insuccessi di un intero anno sembrano essersi condensati in un non so che di stanchezza e rilassatezza insieme, di pienezza e di vuoto.
Credo che l’energia sia rimasta appiccicata tutta in loro, gli inesauribili, i portatori sani di vitalità e di entusiasmo!
A loro, gli alunni di oggi e a quelli di ieri, a partire dai primi dieci alunni di trentatré anni fa, dedico questi semplici versi:

I ME’ PICCIRIDDI
phoca_thumb_l_Progetto Comenius 004I me’ picciriddi sunnu i picciriddi
chiù beddi di lu munnu,
puru quannu mi fannu arrabbiari,
pistanu chi peri e mi dicinu: “No!”

Chi ci aiu di dari e me’ picciriddi,
ca è nenti chiddu chi sacciu,
e autu quantu na muntagna
chiddu chi nun sacciu?

‘Na sula cosa pi iddi possu fari:
l’ incuraggiu a circari li chiavi
pi grapili da suli
li porti di la vita.

Li chiavi di la meragghia e di la passioni,
li chiavi di lu dubbiu e di la curiosità:
chiavi d’amuri
pi la sapienza.

E si quannu criscenni,
li viu iri, dicennu:
“talà! … che bellu! … pò essiri?!…picchì?!”
taliannuli, cuntenta,
mi sentu l’occhi e lu cori
chini chini.

I me’ picciriddi…
figghi di autri, lu sacciu,
ma puru,
n’anticchia,
picca picca,
lu dicu araciu…
figghi me’.