Poesia: Saltingioco

di Angolo Poesie*

giullari

Fluttuando pe’ l’mar di social teca
virtual bottiglia messaggera reca
patetico messaggio di commiato
al popolo sovrano indirizzato

Così mascherar si vuol
idilli infidi e insinceri
Così agir si suol
da degni saltinbanchi e giocolieri

D’odio gli occhi colmi e sguardo inquisitor
a fulminar ogn’istante l’transfugo traditor
Lingua avulsa d’ossa ma d’essi smembrator
tra idrofobi canini di rabbia detentor

Considerar la plebe gonade o leggera
ad essa pagar dazio alla lunga si doveva
Prender pe’ l’ano altri si poteva
non chi sciente dell’ito tempo era

Or che Crono galantuom s’è rivelato
nessun si scordi mai l’proprio passato
e tenendo a fren la biforcuta
la miglior parola è sempre quella muta

 

*di Antonio Vito Passantino