Stidda Puddara

A stidda Puddara è la stella Polare; anticamente essa rappresentava per i naviganti un punto di riferimento per orientarsi. Se è vero che tutti noi uomini siamo come naviganti in mezzo all’oceano è anche vero che ognuno di noi ha avuto, ha o avrà – o se non l’avrà mai la cercherà sempre – la sua stella Polare. Dedico queste rime a tutte le stelle Polari che ci fanno orientare quando ci sono e ci fanno perdere quando si nascondono.

Stidda Puddara

Ogni tantu ti perdu, stidda Puddara,
e caminu a tantuna
‘nmenzu e pitruna
e ‘nmenzu e murtara.

Un m’abbasta stu lustru di luna,
o si tu chi t’ammucci
o sugnu iu ca un ci viu
ma sacciu ca si scoddi tu scoddu puru iu
e ‘nfina a quannu unn’affacci tu
mi pari un munnu nuru e senza Diu
e mi scordu puru cu sugnu
iu.

Ma forsi unni l’haiu saputu mai
cu sugnu
e mi nn’addugnu
sulu ‘nmenzu e uai,
quannu mi rugnu
pi persu,
quanu campu o riversu;
ma chi campari è
stu campari comu una pecura c’un fa mè
p’un perdiri u muccuni?

Un muccuni r’amarumi
di quannu affaccia u suli a quannu scodda
e mi sentu un minchiuni
si un c’è una chi si ‘ncodda
‘ncoddu a mia,
cu so ciatu,
idda u catu e io a corda,
picchì pi sentirimi vivu
haiu bisognu di una chi mi talìa
e mi uarda,
una chi mi ‘nmarda
d’amuri,
pi continuari ‘nta sta via
cu stu surùri,
‘nta sta vita ca è veru amara
senza ri tia,
stidda Puddara.

di Domenico Passantino

2 Replies to “Stidda Puddara”

  1. Innanzitutto complimenti per la poesia e per tutta la tua raccolta che ormai seguo e stimo da anni.
    Volevo comunque postarti un verso dal romando di Giuseppe Tommasi di Lampedusa, la mia mente leggendo i tuoi versi ha fatto un collegamento con il Gattopardo, non ricordo adesso con precisione se si tratta di una sola frase estrapolata o forse di un sonetto inserito nel romanzo. Controllerò quanto prima direttamente sul libro. Comunque la frase è detta quasi alla fine dal Principe che si ritira dal ballo “O stella, o fedele stella, quando ti deciderai a darmi un appuntamento meno effimero, lontano da tutto, nella tua regione di perenne certezza?”

  2. Bellissima !!!
    Però voglio fare una raccomandazione a Domenico, di seguire la stella polare e no i lampadini furminati che non meritano la sua sequela.
    Grande Domenico !! Questa poesia ti rende giustizia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *