Il giornale di Sicilia titola a pag. 22: ad non essere pervenuti per la scadenza dei Cantieri di servizio due comuni tra cui Ciminna

di Salvatore Mannina

cantiere scuolaSe confermata la notizia sarebbe un colpo al cuore dell’economia locale. Quando questa mattina ho letto il Giornale di Sicilia ed a pag. 22 il quotidiano titola a metà pagina: a non essere ancora pervenuti alle 16 di ieri, presso l’assessorato regionale al lavoro solamente i comuni di Bisaquino e Ciminna. Spero che si tratti di un errore giornalistico, oppure del ritardo che magari la posta sta avendo nel consegnare la richiesta del Comune di Ciminna. Mi auguro che il Sindaco intervenga con una propria nota a smentire la notizia, confermando anche la nostra presenza tra i richiedenti dei cantieri di servizio.

27 Replies to “Il giornale di Sicilia titola a pag. 22: ad non essere pervenuti per la scadenza dei Cantieri di servizio due comuni tra cui Ciminna”

  1. Se la notizia fosse vera sarebbe un’altra figuraccia e uno smacco all’economia locale. Che dire Cchiù scuru di mezzanotti ‘un po’ fari!,

  2. Ciminna, lì 28 settembre 2013

    Alleanza Democratica Universitaria

    Al Responsabile di Agorà Ciminna
    Sig. Francesco Tusa

    Al Consigliere Comunale
    Rag. Salvatore Mannina

    Lettera aperta a tutti i cittadini ciminnesi

    Alleanza Democratica Universitaria ha il peiacere di informare i cittadini ciminnesi che anche in questo caso il Sindaco Vito Catalano ha inoltrato la richiesta in modo correto a chi di competenza sia nella forma quanto nella sostanza, ed il tutto entro i termini di scadenza previsti dalla legge.

    Pertanto, Alleanza Democratica Universitaria sente ancora una volta umilmente di suggerire al Consicliere Salvatore Mannina, proprio per il rispetto che deve al ruolo istituzionale che ricopre, visto che è anche un suo dovere verso i cittadini ciminnesi tutti…, di informarsi adeguatamente con chi di dovere prima di scrivere quanto scrive, visto che c’è un detto popolare che dice:

    … che mentre sbagliare è umano, perseverare è diabolico, che equivale anche a dire che siffatte persone sono anche le medesime che sapendo fare i vasi dimenticano poi volutamente di mettere ad essi i coperchi…

    Con affetto grande

    Il presidente di Alleanza Democratica Universitaria
    Dott. Salvatore Elia Catalano

  3. L’amministrazione Catalano è stata l’unica amministrazione a non portare brevi mano presso l’assessorato al Lavoro i progetti, ma a spedirli per posta, nessuno: ne il Sindaco ne gli assessore ne i consiglieri, si sono presi la briga di portare personalmente il progetto o i progetti presso l’ufficio protocollo dell’amministrazione regionale. Di fatto non sappiamo se il progetto è arrivato per tempo, ma visto che l’amministrazione Catalano non trova il tempo di verificare presso l’assessorato al lavoro, se il progetto sia pervenuto; lunedì verificherò personalmente presso l’assessorato se il plico sia arrivato, quanto meno avremo una risposta certa, e non l’ennesimo comunicato dell’addetto stampa del Sindaco Catalano.

  4. Più il discorso va avanti, più tutto sembra surreale. Palermo dista pochi chilometri non è mica un viaggio scendere negli uffici. Un amministrazione dovrebbe passare tutti i giorni negli uffici di Palermo a lavorare per Ciminna, un sindaco potrebbe addirittura prendersi il lusso di stare a Palermo e salire per pochi giorni in paese, di sicuro il comune avrebbe molti più benefici.

  5. Ciminna, lì 29 settembre 2013-09-29

    Alleanza democratica Universitaria

    Al Responsabile di Agorà Ciminna
    Sig. Francesco Tusa

    Al Consigliere Comunale
    Sig. Salvatore Mannina

    Lettera aperta a tutti i cittadini ciminnesi

    Alleanza Democratica Universitaria comunica a tutti i cittadini ciminnesi(cosa che il Consigliere Salvatore Mannina & company si dimenticano stranamente o forse volutamente di scrivere…) che potranno trovare riscontro di quanto fin qui da noi scritto presso le bacheche poste dinanzi al Comune di Ciminna, visto che in esse sono affisse da diversi giorni oramai i seguenti documenti:

    • copia della lettera con la quale il Sindaco Vito Catalano ha dimostrato all’Assessorato alla famiglia, al lavoro e alla formazione che la richiesta per l’ottenimento del finanziamento per il servizio civile era stata inoltrata correttamente;

    • copia della lettera con la quale il Sindaco di Vito Catalano ha inoltrato la richiesta per l’ottenimento dei cantieri lavoro, ed il tutto con allegato anche della fotocopia della raccomandata che dimostra, ancora una volta, inconfutabilmente, che il progetto è stato presentato entro i termini previsti dalla legge.

    Pertanto, nella speranza di essere stata chiara, Alleanza Democratica Universitaria coglie l’occasione per porgere a tutti voi cari amici e concittadini cordiali saluti.

    Il Presidente di Alleanza Democratica Universitaria

    Dott. Salvatore Elia Catalano

  6. Mandare una lettera “con la quale il Sindaco Vito Catalano ha dimostrato all’Assessorato alla famiglia, al lavoro e alla formazione che la richiesta per l’ottenimento del finanziamento per il servizio civile era stata inoltrata correttamente” non significa avere fatto ricorso. Quindi invitiamo il Sindaco a chiarire la situazione relativa al servizio civile e non affidare comunicazioni superficiali a terze persone che non comprendendo la differenza tra una lettera e un ricorso.

    In merito ai cantieri di servizio, sarebbe utile avere conferma dell’avvenuta ricezione dell’Assessorato al Lavoro. Visto che il progetto è stato inviato per posta sarebbe opportuno accertarsi dell’avvenuto ricevimento e dell’inserimento del medesimo tra i progetti che sono stati dichiarati ricevibili.

  7. Il tempo darà le dovute risposte. Ma gli altri appartenenti di Alleanza Democratica Universitaria nulla hanno da dire sull’argomento? Oppure si parla in terza persona di se stessi.

  8. Ciminna, lì 30 settembre 2013

    Alleanza Democratica Universitaria

    Al Responsabile di Agorà Cimina
    Sig. Francesco Tusa

    Al Consigliere Comunale
    Rag. Salvatore Mannina

    Al Presidente di LiBeramente Ciminna
    Sig. Filippo Ciringione

    Lettera aperta a tutti i cittadini ciminnesi

    Alleanza Democratica Universitaria tiene a precisare che non scrive affatto per conto dell’Ammiinistrazione Comunale, semplicemente, semmai, si limita, per rispetto ai cittadini tutti a fare quello che ha sempre fatto dal 1998 ad oggi e cioè:

    raccontare i fatti per come stanno, fatti che come in questo caso sono stati ampiamente trattati e dibattuti durante pubbliche sedute in sede istituzionale.

    Alleanza Democratica Universitaria domanda invece al Sig. Filippo Ciringione:

    … stando al suo ragionamento…, ci vuole forse dire che lei quando rende pubblici articoli o commenti ecc. ecc. in nome e per conto di LiBeramente Ciminna… che in verità sta parlando in terza persona di se stesso?

    Alleanza Democratica Universitaria dice al sig. Filippo Ciringione e a LiBeramente Ciminna che tanto dicono di tenere alla salvaguardia del libero pensiero e della libertà di espressione… che ancora aspettiamo tre cose:

    •… considerato che il secondo video lo avete divulgato… che divulghiate anche il video della prima riunione sulla conferenza NO TARSU a fine di rendere pubblico quanto di vergognoso in essa accaduto…;

    • che pubblichiate la lettera che di recente vi abbiamo inviato sulla vicenda dell’approvazione del nuovo Regolamento Comunale;

    •che pubblichiate gli articoli di legge che dimostrino a tutti i cittadini ciminnesi quanto da Liberamente Ciminna vergognosamente scritto e cioè:

    “… Ieri l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Vito Catalano, ha scritto una delle pagine più nere della storia ciminnese, uccidendo la democrazia dell’istituzione più alta e nobile del nostro piccolo comune, mortificando il regolamento del Consiglio Comunale con i voti favorevoli di solo otto Consiglieri comunali…”

    Alleanza Democratica Universitaria vuole infatti ancora una volta ricordare a LiBeramente Ciminna, al Consigliere Salvatore Mannina & company…, che la votazione è avvenuta a maggioranza assoluta e cioè:

    nel pieno rispetto da quanto previsto dalle leggi della Repubblica Democratica Italiana e cioè della seguente legge:

    legge del 3 agosto 1999, n. 265 pubblicata nella gazzetta ufficiale n. 183 del 6 agosto 1999-Supplemento Ordinario n. 149

    Alleanza Democratica Universitaria invece dice al Consigliere Salvatore Mannina che esistono tante forme di ricorso e che una di questa è proprio quella di chiarire attraverso documenti epistolari ufficiali, quale appunto è una lettera a firma del Sindaco di un dato Comune…, una determinata questione con l’organo istituzionale di competenza, che in questo caso è stato l’Assessorato alla famiglia, al lavoro e alla formazione.

    Alleanza Democratica Universitaria dice invece al sig. Vito Andrea Bovi che essa è l’Associazione politico- culturale che a differenza di tutti voi…, fra il 1998 e il 2002, fra le tante altre cose…, ha fatto realizzare a Ciminna attraverso un sano confronto con tutte le Istituzioni e i cittadini presenti sul territorio:

    •la sez. distaccata del liceo scientifico “ Nicolò Palmeri” di Ternimi Imerese, di cui anche il sig. Filippo Ciringione ne trae beneficio, motivo per cui dovrebbe essere quantomeno più rispettoso quando parla di Alleanza Democratica universitaria e del suo Presidente, visto che è grazie a lui se oggi Ciminna può usufruire di questa opportunità a vantaggio dei propri figli.
    come nel caso anche del sig. Filippo Ciringione.

    •lo Statuto Comunale e di conseguenza il Regolamento Comunale del Comune di Ciminna;

    Nella speranza di essere stata chiara, Alleanza Democratica Universitaria coglie ancora una volta l’occasione per augurare a tutti pace e bene.

    Con affetto grande

    Il Presidente di Alleanza Democratica Universitaria

    Dott. Salvatore Elia Catalano

    —————————————————————————–
    Alleanza Democratica Universitaria, P.zza Umberto I n. 2 Ciminna (PA) C.A.P. 90023

  9. Aspetto che ADU, inviti l’amministrazione comunale ha mettere in atto, cioè ad avviare le riprese audio/video prima bocciate dalla maggioranza consiliare e poi votate all’unanimità dal consiglio comunale e buttato in un dimenticatoio per ordine del Sindaco;

    Aspetto che ADU, inviti l’amministrazione comunale ha mettere in atto, cioè a costituire le commissioni consiliari proposte dal consigliere Mannina, votati all’unanimità dal consiglio comunale e buttati in un dimenticatoio per ordine del Sindaco;

    Aspetto che ADU, inviti l’amministrazione comunale ha mettere in atto la denominazione comunale di origine (DE.CO) proposta dal consigliere Mannina e approvato all’unanimità dal consiglio comunale e buttata in un dimenticatoio per ordine del Sindaco;

    Aspetto che ADU, inviti il Sindaco a fare chiarezza sulle penali da imputare alla ditta che fornisce l’acqua potabile e non a disattendere il contratto che li prevede;

    Aspetto che ADU, inviti il Sindaco a farmi rilasciare dall’ufficio addetto, il tabulato delle presenze degli ex lavoratori Temporary, che hanno lavorato senza copertura economica dal 11/05/2013 al 04/06/2013;

    Aspetto che ADU, inviti il Sindaco a fare chiarezza sulla vicenda Adecco Spa, visto che in consiglio comunale, il sottoscritto con atti alla mano gli ha dimostrato che prima ancora che si facesse l’impegno all’Adecco (D.R.S del 28/06/2013) la stessa aveva fatto una proposta commerciale datata 11/06/2013;

    Aspetto che ADU, inviti il Sindaco a leggere la costituzione italiana visto che di essa ne ha fatto uno scempio facendosi approvare il regolamento del SASSO IN BOCCA;

    E mi fermo qui per adesso, e mi auguro che lo spirito dell’imparzialità ti possa invadere la mente e constatare di persona che siamo difronte ad un Sindaco che non sta facendo altro che calpestare la dignità e le regole basilari della democrazia, che ti ricordo essere la stessa democrazia che tu rivendicavi ai tempi in cui il vostro Assessore Leone, era Sindaco e in quanto tale il vostro acerrimo nemico.

  10. Vogliamo una moderna gestione del Comune, inteso come luogo di governo e non di comando; una nuova qualità della politica che rilanci la partecipazione dei cittadini e punti alla trasparenza degli atti. Vogliamo applicare un primo semplice principio per la trasparenza: filmare le sedute del consiglio comunale e delle principali commissioni ed inserirle sul sito del comune con titoli semplici e facilmente individuabili, in modo da consentire a tutti i cittadini di poterle visionare comodamente da casa in qualsiasi momento. Un’Amministrazione fatta da cittadini per i cittadini. Risparmio, trasparenza, ascolto, reale controllo da parte di tutti.

  11. Vedo che il “Lupo perde il pelo ma non il vizio”.
    Il problema non è parlare in terza persona, ma conoscere chi c’è dentro un’associazione o gruppo di persone.
    Ad esempio, per conoscere la struttura dell’Associazione LiberaMente Ciminna, basta andare nel nostro sito per trovare tutti i documenti associativi, atto costitutivo, regolamenti e cariche direttive cosa che ahimè non si può dire di “A.D.U.”.
    Devo dire che su internet ho cercato parecchio, costringendo anche Google ad alzare bandiera bianca, le uniche cose trovate riferibili ad “A.D.U.” sono state cose riferite ad attività universitarie ed a omonimie.
    In questo periodo, purtroppo scopriamo che a Ciminna esistono tutta una serie di persone che oltre ad essere malelingue, non hanno pure nulla da fare e che impiegano il loro tempo mettendo in giro strane voci su tutto, finanche su “A.D.U.” senza neppure sapere tutto il bene fatto negli anni passati per infondere la cultura, la legalità ed il sapere a Ciminna ed ai ciminnesi.
    Nel suo interesse e per il bene che voglio alle sane Associazione come “A.D.U.” che si prodigano per il bene comune, la legalità, la trasparenza, la democrazia e la crescita culturale del territorio, la invito a pubblicare i dati che le farebbero giustizia, in modo tale da zittire tutti questi pettegoli che infangano l’istituzione di cui lei è “Presidente”.
    Tanto per chiarire alcuni punti da lei sollevati e per rimuovere indebite similitudini, le posso garantire che il sottoscritto è abituato, per professione, a parlare a nome di un gruppo solamente quando ne ha titolo di rappresentanza, diversamente parla in nome e per conto proprio, assumendosi le responsabilità che ne derivano.
    Non metto in dubbio che qualcuno certamente l’ha eletta “Presidente”, ma a tutti noi seguaci e possibili futuri iscritti di “A.D.U.” ad oggi non è dato saperlo, fino a quando lei non renderà pubblici gli atti, che certamente avrà ben custoditi nei suoi archivi cartacei.
    Già in tempi non sospetti, mi ero attivato per cercare di potere restituire a “Cesare quel che è di Cesare”, mi riferisco al fatto di dare il giusto riconoscimento al dott. Salvatore Elia Catalano per avere contribuito all’istituzione del Liceo Scientifico a Ciminna, io ed alcuni beneficiari avevamo pensato di proporre al Consiglio d’Istituto del Liceo Palmeri, di cui faccio parte, l’intitolazione della sede staccata del Liceo di Ciminna al dott. Salvatore Elia Catalano, in qualità di padre fondatore del predetto Istituto.
    Durante la preparazione della bozza da presentare al Consiglio d’Istituto, io e tutti i beneficiari proponenti, ci siamo resi conto che le normative vigenti non ci consentivano di segnalare l’illustre nominativo, poiché per la legge vigente, l’intitolazione di una scuola al padre fondatore, prevede che il benemerito sia passato a miglior vita.
    Al fine di superare questi antipatici e noiosi vincoli normativi, abbiamo ingaggiato il fior fiore degli intellettuali locali e non, per cercare un escamotage (molto in uso in questo periodo) idoneo a saldare il debito di tutti noi beneficiari cittadini.
    Purtroppo, il responso fu unanime, gli intellettuali, gli storici e gli esperti di diritto sentenziarono: “finché il benemerito non trapassa, non sarà possibile intitolare il Liceo Scientifico di Ciminna all’illustre cittadino ciminese”.
    Vista l’autorevolezza di cotanto responso, non ci rimase altro che tirare i remi in barca nell’attesa che qualcuno al più presto cambi anche questo regolamento, oppure…
    Un calorosissimo abbraccio.

  12. Ottima iniziativa quella di volere dedicare il Liceo scientifico di Ciminna al suo padre/madre fondatore. Dico padre/madre semplicemente perchè sono per la parità tra uomo e donna. Il liceo merita di certo un nome di alto profilo. Il nome di un dottore, un presidente, un segretario di partito, un benefattore e perchè no un portavoce. Certo l’ostacolo legale da superare, nel caso specifico è notevole, in quanto il beneficiario individuato (fortunamente) gode di ottima salute e di giovane età. Quindi la splendida idea di FilippoC. rischia di fallire, perchè il tempo potrebbe far dimenticare le gesta sociali del nostro eroe. Tuttavia nel paese dove la cultura di Don Coco la fa da padrone (almeno nella sua più alta istituzione rappresentativa), penso che uno strappo alla regola si potrebbe fare. Ecco il mio suggerimento: evidentemente gli illuminati di Filippo C. e company hanno consultato, per dirimere l’intrigata vicenda, esperti non locali i quali (non essendo appunto del luogo) hanno espresso il loro parere basandosi sulle leggi dello Stato, e così sono arrivati a conclusioni inadeguate e incoerenti rispetto a quello che è lo stato del civico sentire nel paese di Don Coco. Io propongo di chiedere un nuovo e più coerente parere ai vari intellettuali loco operanti che sapranno certamente indicare la via giusta per superare l’inghippo legale e consentire di rendere omaggio ad un grande dottore/presidente/ex segretario di partito/portavoce ciminnese. Aggiungo che sarebbe opportuno (già che ci siamo) anche erigere un monumento (un bel mezzo busto sarebbe sufficiente) da sistemare all’ingresso della via che porta alla scuola, cosìcche anche i forestieri, che affollano le vie del nostro corso, al loro passare possano essere edotti circa lo spessore dei personaggi ai quali il paese di Don Coco (sempre riferito alla cultura regnante ne C.C.) ha saputo dare i natali.

  13. Ciminna, lì 01 ottobre 2013

    Alleanza Democratica Universitaria

    Al Responsabile di Agorà Ciminna
    Sig. Francesco Tusa

    Al Consigliere Comunale
    Rag. Salvatore Mannina

    Lettera aperta a tutti i cittadini ciminnesi

    Noi di Alleanza Democratica Universitaria capiamo fin troppo bene le esigenze del Consigliere Salvatore Mannina nel provare a spostare abilmente l’asse della discussione…

    Ammettiamo, infatti, per assurdo, che le cose stiano proprio nel modo in cui li riporta…, forse ciò lo assolve dall’avere pubblicamente mentito a tutti i cittadini ciminnesi nello scrivere ciò che ha scritto in riferimento:

    •all’approvazione del nuovo Regolamento Comunale;

    •sulla richiesta del finanziamento del progetto per il servizio civile;

    •per la richiesta di inoltramento del progetto per l’ottenimento dei cantieri lavoro.

    Infatti cari amici e concittadini ciminnesi:

    •ha mentito oppure no il Consigliere Salvatore Mannina quando ha scritto che il Sindaco Vito Catalano ed i Consiglieri Comunali hanno votato il nuovo Regolamento Comunale uccidendo la democrazia a Ciminna, visto che legge alla mano abbiamo pubblicamente dimostrato che esso è stato votato a maggioranza assoluta proprio come previsto dalla legge italiana, precisamente dalla legge del 3 agosto 1999 n. 265. Eppure continua ancora oggi a parlare sfacciatamente di sasso in bocca e di democrazia lesa!

    •ha mentito oppure no il Consigliere Salvatore Mannina quando in riferimento alla richiesta di finanziamento per il servizio civile ha fornito a tutti noi come motivazione per la sua non accettazione… che esso era stato respinto perché il Sindaco Vito Catalano aveva fatto firmare la lettera ad una terza persona che non era il rappresentante dell’ente scrivente?

    •ha mentito oppure no il Consigliere Salvatore Mannina quando ha scritto che il Sindaco del Comune di Ciminna non ha inoltrato il progetto per l’ottenimento dei cantieri lavoro entro i termini previsti dalla legge?

    A voi ancora una volta la risposta cari amici e concittadini ciminnesi!

    Alleanza Democratica Universitaria vuole infatti ricordare al Consigliere Salvatore Mannina che stiamo dibattendo ancora su questi punti… e che la cosa diventa ancora più grave quanta grottesca, proprio perché il Consigliere Salvatore Mannina continua a mentire sui punti che abbiamo in questi giorni trattato… ed il tutto proprio nel momento stesso in cui cerca, con l’ultimo commento da lui sopra postato, di scorgere la pagliuzza nell’occhio di colui che ritiene essere il suo nemico politico… senza tenere appunto conto del trave che invece da decenni oramai (per chi se lo ricorda dai tempi dell’Associazione culturale “Nuova Orizzonti”) sta conficcato dentro il proprio occhio…

    Il Consigliere Salvatore Mannina sa infatti, in cuore suo, fin troppo bene che se il sindaco Vito Catalano, fra la legge ed il diritto applica la logica del buon senso…, sempre nel rispetto delle leggi in vigore,lo fa nell’esclusivo interesse di riuscire, nel limite delle proprie forze e capacità, a garantire ai cittadini ciminnesi in un periodo di grave crisi politica ed economica:

    1.una costante pulizia del paese;

    2.la fornitura idrica ai ciminnesi;

    3. ecc. ecc.

    Noi di Alleanza Democratica Universitaria, infatti, capiamo anche fin troppo bene il motivo per cui il Consigliere Salvatore Mannina scrive nel modo in cui scrive… e lo fa proprio nella speranza di riuscire ad imbrigliare l’azione politico-amministrativa del Sindaco Vito Catalano e dell’Amministrazione da lui guidata, con il solo ed unico scopo di rallentarne l’azione amministrativa per poter così speculare irresponsabilmente sui disagi che ne scaturirebbero a danno della comunità ciminnese tutta; per poter così cavalcare il disagio sociale che ne scaturirebbe; per potere affermare in definitiva… che l’Amministrazione guidata da Vito Catalano è un’Amministrazione incapace ed inefficiente.

    Per noi di Alleanza Democratica Universitaria, ciò è anche dimostrato dal fatto che lei Consigliere Salvatore Mannina adotta due pesi e due misure nel valutare medesime azioni:

    •afferma essere giusto che venga divulgata la diretta web del Consiglio…, (anche se come lei ben sa non c’è per legge nessuna norma che impone ad una Amministrazione che essa debba essere autorizzata, anche se comunque la farà) ma poi non muove un dito, non dice una parola… quando in una pubblica conferenza, in sua presenza, ad un suo concittadino viene negata la liberta di espressione e di parola. E ancora non dice niente… quando non viene divulgato via WEB la registrazione video dove si vede tutto ciò. Mi riferisco alla registrazione riguardante la prima conferenza sulla “No Tarsu” organizzata da Liberamente Ciminna assieme al Dott. Salvatore Fina.

    •pubblica gli articoli che escono sul “Il Giornale di Sicilia” solo quando lei crede di far fare cattiva figura l’Amministrazione Comunale, ma poi lei e Company non pubblicate gli articoli sempre presenti sul “Il Giornale di Sicilia” che danno notizia della disperazione e delle difficoltà in cui quotidianamente si trovano ad essere quasi tutti i Comuni siciliani ed italiani… ed il tutto nella vergognosa speranza di poter così magari nascondere ai nostri concittadini che vivono all’estero…, che, in un quadro di siffatta difficoltà assoluta… a parità di tasse applicate per legge, il sindaco di Ciminna Vito Catalano riesce comunque a garantire ancora ai ciminnesi… ciò che la maggior parte dei Sindaci siciliani non riesce più a garantire ai propri concittadini. Servizi quali ad esempio:

    •energia elettrica;

    •rifornimento idrico;

    •mensa scolastica;

    •pulizia del paese;

    •manutenzione del tessuto urbano: vie, piazze e verde pubblico;

    •manifestazioni culturali e sportive in collaborazione con le sane realtà culturale che operano a Ciminna (notte bianca, Carnevale Ciminnese, Ginkane automobilistiche, il 50 anniversario del Gattopardo ecc. ecc. ecc.)

    •monitoraggio e salvaguardia del territorio;

    •manutenzione e pulizia della villa Comunale ecc. ecc. ecc.

    Certo, è chiaro che si potrebbero fare tante altre cose, forse tante altre cose si potevano fare meglio e sicuramente il Sindaco Vito Catalano avrà commesso degli errori, sicuramente ne commetterà…, ma sicuramente non ha commesso volutamente l’errore di andare contro il bene di Ciminna e dei ciminnesi tutti. E’ forse infatti colpa del Sindaco Vito Catalano se l’Italia sta politicamente andando a rotoli…? Se i Comuni non ricevono più risorse dallo Stato Centrale per poter programmare la crescita politica, economica e sociale del proprio territorio… è forse colpa dell’uomo che si trova ad essere sindaco pro-tempore di questo difficilissimo momento storico che tutta la Nozione sta vivendo? A voi la risposta cari amici e concittadini!

    La storia insegna infatti che:

    •ci sono periodi di vacche grasse… dove gli amministratori con il minimo impegno possono ottenere molto;

    •ci sono periodi di vacche magre… dove gli amministratori, nonostante danno il massimo ed il meglio di se stessi, non riescono a produrre quanto da essi sperato;

    Alleanza Democratica Universitaria, infatti, proprio per portare avanti un ragionamento basato sull’imparzialità…, invita tutti voi, cari amici e concittadini ciminnesi, a valutare in coscienza se in questo particolare momento storico il sindaco Vito Catalano sta amministrando:

    •in un periodo di stabilità politica e di vacche grasse;

    •se sta amministrando in un periodo di forte instabilità politica e di vacche magre;

    Dipende, infatti, dalle risposte che in coscienza daremo in riferimento all’esempio appena su esposto, che risiede la capacità che ognuno di noi ha di sostenere e valutare senza pregiudizi, in modo veramente imparziale, se quotidianamente il sindaco Vito Catalano fa il suo dovere per promuovere la crescita della nostra amata Ciminna.

    Dunque cari amici e concittadini a tutti noi la risposta!

    Distinti saluti

    Il Presidente di Alleanza Democratica Universitaria
    Dott. Salvatore Elia Catalano

    1. Da quando nel 1990 creai insieme con altri amici, l’associazione nuovi orizzonti, il sottoscritto si è cimentato alla creazione di diverse iniziative tra cui: la creazione dell’associazione commercianti Ciminna che diede i natali all’isola pedonale in via Roma che per diversi anni organizzo il mercatino natalizio e diverse fiere di artigianato; la creazione dell’associazione Artigiani Ciminna con la quale partecipammo a due grossi bandi di agenda 2000; la creazione di un mia attività per la produzione di ceramiche artistiche; dal 2007 ad oggi mi sono cimentato in politica facendo l’assessore e il consigliere. Se in queste mie esperienze passate ne vuoi trarre dei mali, che secondo la tua visione hanno danneggiato Ciminna, ne prendo atto. Del resto mentre il sottoscritto dal 1990 ad oggi a camminato con i suoi piedi, ce chi ancora aspetta di emanciparsi a vita di adulto. Se poi invece, vorresti raccontare alla comunità Ciminnesi i fasti politici del Sindaco Catalano, sin dalla mozione di sfiducia fatta al Sindaco Giacomo Barone nei lontani anni ’70, faresti un servizio utile alla storia locale; e se poi ci aggiungi tutti i fatti e i misfatti che avete propinato nelle varie campagne elettorali, appunto dal 1975 ad oggi, daresti una visione plastica di chi è stata la vera zavorra di chi ha rallentato la crescita di Ciminna, riducendola a mera merce di scambio, per conto di interessi che di pubblico non hanno avuto nulla e continueranno a non avere nulla fin quando non deciderete di occuparvi di altro. E con questo ho chiuso definitivamente la mia discussione.

  14. Dopo avere letto con attenzione massima quello che dovevo leggere,faccio pubblica ammenda del mio non sapere,perchè giustamente viene garantito l’energia elettrica, la raccolta dei rifiuti, il rifornimento idrico, etc. Tutto a spese dei benefattori della purchiarola. Quindi Ciminna non è come l’Africa dove queste cose non sono garantite. Allora propongo che anzichè mettere una sola statua ne mettiamo due. Una Davanti la scuola e una all’ingresso del paese, cosi abbiamo celebrato due eroi in una botta sola.

  15. Avendo letto il GDS di oggi, ho notato che si riporta con grande risalto una notizia positiva per Ciminna, cioe l’istituzione del CUP, dove probabilmente verrà impegnato per tre volte la settimana un impiegato comunale, o della ASL di Misilmeri. (speriamo sia un ciminnese così risparmia i soldi della benzina) All’apparenza la notizia può sembrare positiva, ma se consideriamo che il CUP in Sicilia esiste già da tempo ed è gratis, cioè esiste un numero verde che si chiama e si fanno tutte le prenotazioni sanitarie che si vogliono, la notizia ci dice che quell’impiegato che verrà impegnato per il CUP di Ciminna sono soldi sprecati.

  16. Ciminna, l’ 4 ottobre 2013

    Associazione politico – culturale
    Alleanza Democratica Universitaria

    Al Responsabile di Agorà Ciminna
    Sig. Francesco Tusa

    Al Consigliere Comunale
    Rag. Salvatore Mannina

    Lettera aperta a tutti i cittadini ciminnesi

    Alleanza democratica Universitaria per una questione di chiarezza comunica al Consigniere Salvatore Mannina in riferimento a quanto da lui scritto:

    “Se poi invece, vorresti raccontare alla comunità Ciminnesi i fasti politici del Sindaco Catalano, sin dalla mozione di sfiducia fatta al Sindaco Giacomo Barone nei lontani anni ’70, faresti un servizio utile alla storia locale; e se poi ci aggiungi tutti i fatti e i misfatti che avete propinato nelle varie campagne elettorali, appunto dal 1975 ad oggi, daresti una visione plastica di chi è stata la vera zavorra di chi ha rallentato la crescita di Ciminna, riducendola a mera merce di scambio, per conto di interessi che di pubblico non hanno avuto nulla e continueranno a non avere nulla fin quando non deciderete di occuparvi di altro. E con questo ho chiuso definitivamente la mia discussione.”

    di non avere affatto difficoltà alcuna a rammentare l’azione politica di un Sindaco che ieri come oggi cerca di fare del proprio meglio per risolvere i problemi che affliggono la comunità ciminnese.

    La storia di Ciminna dice infatti che fra il 2001 e il 2007 Ciminna si vide risolvere nell’arco di pochissimi anni i più grandi problemi che da sempre l’affliggevano e che mai nessuno era riuscito a risolvere come ad esempio:

    •Acqua;

    •piano regolatore;

    •ripristino del centro urbano;

    •ampliamento del cimitero;

    •dotazione del cimitero comunale di un piano regolatore;

    •ripristino del prospetto della Chiesa Madre con il prospetto di colore rosso che altri invece stavano facendo di colore bianco;

    •promozione e avvio degli scavi archeologici sul Monte Pizzo;

    •zona industriale ( che voi avete fatto perdere);

    •realizzazione del Foro Boario;

    •completamento della strada Via Capra, oggi Via Giovanni Paolo II;

    •completamento dell’ex cinema oggi centro culturale Giuseppe Alesi;

    •adesione ai patti leader della Valle del Torto e dei Feudi al fine di valorizzare e rilanciare il grande patrimonio ambientale e culturale di cui Ciminna dispone;

    •adesione e partecipazione alla 57 Fiera Campionaria del Mediterraneo;

    •gemellaggio con il Comune di Santa Margherita del Belice al fine di rilanciare quell’evento culturale che vide Ciminna essere la Donnfugata nel Gattopardo nel film girato da Luchino Visconti;

    •intitolazione della Biblioteca Comunale al Prof. Francesco Brancato;

    •rapporti culturali con l’Università degli Studi di Palermo grazie alle iniziative promosse da “Alleanza Democratica Universitaria”;

    •restauro dei locali dell’ex ospedale S. Spirito in piazza Umberto I;

    •consolidamento della frana a valle della Chiesa Madrice;

    •creazione grazie all’umana sensibilità di un nostro concittadino oggi passato a miglior vita, Salvatore Tauro, del Centro Diurno per gli anziani; una grande conquista sociale, questa, visto che mai prima di allora le donne anziane di Ciminna avevano potuto usufruire da parte di una Amministrazione Comunale di un luogo nel quale la sera potevano passare il loro tempo libero;

    e ancora:

    •istituzione del liceo scientifico, grazie a quanto fatto da Alleanza Democratica Universitaria;

    •Statuto Comunale;

    •riqualificazione di tutte le opere pubbliche realizzate dai sindaci che lo avevano preceduto, come nel caso della villa comunale e della fontana ecc.ecc.;

    •completamento della strada che collega Piazza san Vito alla chiesetta di Monferrato;

    •l’avere messo a titolo gratuito lo spiazzo di sua proprietà presso la zona Folletto a titolo gratuito per agevolare il rifornimento idrico di tutti gli allevatori e agricoltori ciminnesi;

    •l’avere recuperato tutti i mezzi del Comune di Ciminna come ad esempio l’autobotte e lo scuolabus per offrire migliori servizi a tutti i cittadini e alle famiglie ciminnesi;

    •l’avere permutato la macchina per il Sindaco che era stata da poco comprata dalla gestione commissariale per comprare il camioncino per la manutenzione del centro urbano di Ciminna, perché di più importante utilità per i ciminnesi…;

    •l’avere intestato le vie a papa Giovanni Paolo II, a Luchino Visconti, a Giuseppe Tommasi Di Lampedusa;

    •l’avere intestato le vie a due nostri illustri compaesani: al Deputato Monastero e al Senatore Antonino Riggio;

    •l’avere dato vita al Carnevale Ciminnese con la realizzazione dei primi carri;

    •l’avere illuminato monte Rotondo al fine di valorizzarne le bellezze naturali e con esso parte del patrimonio paesaggistico di Ciminna;

    •l’avere realizzato l’insieme di eventi culturali che hanno dato vita alla realizzazione dell’estate ciminnese;

    E perché no, l’avere sicuramente fatto anche degli errori. E’ ovvio!

    Ma va anche detto che il sindaco Vito Catalano non ha commesso sicuramente l’errore di non fare il proprio dovere come rappresentanti istituzionali del Comune di Ciminna. E a dirlo ancora una volta non siamo noi di Alleanza Democratica Universitaria, ma i fatti fin qui esposti ed il tutto senza se e senza ma!

    Eppure ancora oggi, tutte le cose realizzate dal Sindaco Vito Catalano e dalle Amministrazioni da lui guidate… il Consigliere Salvatore Mannina continua spudoratamente a dire, soprattutto ai nostri giovani che con tanto entusiasmo si affacciano alla vita politico-sociale di Ciminna, che dal 75 ad oggi Vito Catalano ha fatto e misfatto bloccando la crescita culturale di Ciminna.

    Ora ditemi voi cari giovani e amici ciminnesi:

    E’ giusto che il Consigliere Salvatore Mannina continui a mentire e ad infangare le persone e la loro storia nel modo in cui fa?

    Ma non vi sentite politicamente presi in giro visto quanto fin qui da me esposto dal Consigliere Salvatore Mannina?

    A voi la risposta cari giovani amici ciminnesi!

    La storia politica di Ciminna degli ultimi 12 anni semmai dice proprio il contrario:

    “ dice che Vito Catalano ha fatto talmente tante di quelle cose in appena 5 anni e mezzo del suo primo mandato, che noi di Alleanza Democratica Universitaria ci stiamo persino stancando ad elencarle…”

    Per non parlare di tutti i progetti lasciati in itinere, ma che purtroppo non sono ancora stati realizzati… ma che anzi avete fatto perdere.

    Alleanza Democratica Universitaria vuole anzi cogliere l’occasione per porgere al Consigliere Salvatore Mannina una domanda:

    ma visto che Vito Catalano per lei e questa persona che ha descritto… “uomo di fatti e misfatti che dal 75 ad oggi a rallentato la crescita culturale di Ciminna riducendola e mera merce di Scambio…” potrebbe allora spiegarci a tutti perché durante la composizione delle liste delle amministrative del 2012… ha fatto di tutto e anche di più per potersi candidare, come tutti i cittadini ciminnesi sanno… nella lista “Lavoro e Libertà” con il candidato Sindaco Vito Catalano?

    Se può, e se sempre è in grado di darla Consigliere Salvatore Mannina, gentilmente una risposta!

    Alleanza Democratica Universitaria non può che dire, che per qualificare l’inqualificabile comportamento umano e politico del Consigliere Salvatore Mannina nei confronti dell’uomo e del Sindaco Vito Catalano… non ci possono essere parole più appropriate di quelle della favola di Fedro.

    LA VOLPE e L’UVA

    Un giorno una volpe affamata passò accanto a una vigna e vide alcuni bellissimi grappoli d’uva che pendevano da un pergolato.

    – Bella quell’uva! – esclamò la volpe e spiccò un balzo per cercare di afferrarla, ma non riuscì a raggiungerla, perchè era troppo alta.

    Saltò ancora e poi ancora e più saltava più le veniva fame.
    Quando si accorse che tutti i suoi sforzi non servivano a nulla disse: –

    Quell’uva non è ancora matura e acerba non mi piace! – E si allontanò dignitosa, ma con la rabbia nel cuore
    ———————————-
    La favola è scritta per coloro che disprezzano a parole ciò che non possono avere.

    Per quanto riguarda poi le cose da lei ricordate e realizzate dall’Associazione culturale “ Nuova Orizzonti”, le voglio ricordare che di essa ne faceva parte anche il sottoscritto il qualità di socio fondatore, assieme ad Eugenio Catalano (che le diede peraltro il nome) e tanti altri amici…

    Un’associazione alla quale tenevamo tutti molto e che tutti indistintamente avevamo fatto progredire a costo di grandissimi sacrifici… sino a quando ad un certo punto… lei assieme al suo pupillo di allora… con l’inganno… cercaste di asservirla esclusivamente ai vostri fini personali e politici causandone la morte…

    Circa quanto poi da lei fatto dal 2007 da quando ha fatto l’Assessore, anzi per usare le parole da lei pubblicamente dette: sindaco, vice sindaco, assessore, consigliere e persino usciere… meglio stendere un velo pietoso…!!!

    Un velo pietoso che ha trovato piena conferma nel comizio di chiusura del dott. Giuseppe Leone, quando con grande coraggio e buon senso, a differenza sua,(cosa che nono ho potuto non apprezzare nonostante i durissimi contrasti avuti) ha chiesto pubblicamente e umilmente scusa per gli errori commessi… e per lo stato in cui Ciminna era stata ridotta durante la vostra Amministrazione… (2007 – 2011)tant’è che disse che mai più avrebbe portato le lancette dell’orologio indietro a danno di Ciminna, motivando il tutto che lei, Consigliere Mannina, era stato la causa prima del fallimento politico che tutti abbiamo subito…

    Del resto Consigliere Salvatore Mannina, per capire quanto disinteressato è il suo modo di fare politica a salvaguardia delle tasche dei cittadini ciminnesi… basta guardare i pali della luce presenti fra le vie del nostro paese… per comprendere sino in fondo quanto illuminata e limpida è il suo modo di fare “ politica…”.

    Con affetto

    Il Presidente di Alleanza Democratica Universitaria

    Dott. Salvatore Elia Catalano
    ——————————————————————————

  17. La storia di Ciminna dice infatti che fra il 2001 e il 2007 Ciminna si vide risolvere nell’arco di pochissimi anni i più grandi problemi che da sempre l’affliggevano e che mai nessuno era riuscito a risolvere come ad esempio:
    •Acqua;
    Risposta. Falso la volontà di trovare un approvvigionamento idrico fu deliberato nel consiglio comunale in cui Sindaco era Rosa Maria Brancato.

    •piano regolatore;
    •ripristino del centro urbano;
    Risposta. A cosa ti riferisci per ripristino del centro urbano?

    •ampliamento del cimitero;
    Risposta. Realizzato con un mutuo.

    •dotazione del cimitero comunale di un piano regolatore;
    •ripristino del prospetto della Chiesa Madre con il prospetto di colore rosso che altri invece stavano facendo di colore bianco;
    Risposta. Falso non fu un progetto del Comune ma della Regione.

    •promozione e avvio degli scavi archeologici sul Monte Pizzo;
    •zona industriale ( che voi avete fatto perdere);
    Risposta. Quando dici voi ti riferisci certamente a Giuseppe Leone ovviamente, e fermiamoci qua…………

    •realizzazione del Foro Boario;
    Risposta. E’ un progetto del Sindaco Rosa Maria Brancato.

    •completamento della strada Via Capra, oggi Via Giovanni Paolo II;
    Risposta. Bella questa, il completamento del ponte di contrada Falderaso vuoi dire……..sfido….

    •completamento dell’ex cinema oggi centro culturale Giuseppe Alesi;
    Risposta. Di quale completamento parli, se gli ultimi interventi l’ha fatto l’amministrazione Leone.

    •adesione ai patti leader della Valle del Torto e dei Feudi al fine di valorizzare e rilanciare il grande patrimonio ambientale e culturale di cui Ciminna dispone;
    Risposta. A cui il Sindaco Catalano non partecipava completamente.

    •adesione e partecipazione alla 57 Fiera Campionaria del Mediterraneo;
    Risposta. Falso, è stata l’associazione commercianti Ciminna ha spingere per la partecipazione, e fu Francesco Sarullo a sponsorizzare la partecipazione.

    •gemellaggio con il Comune di Santa Margherita del Belice al fine di rilanciare quell’evento culturale che vide Ciminna essere la Donnfugata nel Gattopardo nel film girato da Luchino Visconti;
    •intitolazione della Biblioteca Comunale al Prof. Francesco Brancato;
    •rapporti culturali con l’Università degli Studi di Palermo grazie alle iniziative promosse da “Alleanza Democratica Universitaria”;
    Risposta. Aria fritta, non ha prodotto nulla questo rapporto.

    •restauro dei locali dell’ex ospedale S. Spirito in piazza Umberto I;
    Risposta. Falso il progetto proveniva da precedenti amministrazioni e fu inserito nel por 2000-2006 grazie alla spinta di metropoli est.

    •consolidamento della frana a valle della Chiesa Madrice;
    Risposta. Gli interventi R4 hanno massima priorità e vengono sempre finanziati.

    •creazione grazie all’umana sensibilità di un nostro concittadino oggi passato a miglior vita, Salvatore Tauro, del Centro Diurno per gli anziani; una grande conquista sociale, questa, visto che mai prima di allora le donne anziane di Ciminna avevano potuto usufruire da parte di una Amministrazione Comunale di un luogo nel quale la sera potevano passare il loro tempo libero;
    Risposta. Bella iniziativa, grazie a Salvatore Tauro e non all’amministrazione che di fatto cerco solo una stanza d’affittare e………….
    e ancora:
    •istituzione del liceo scientifico, grazie a quanto fatto da Alleanza Democratica Universitaria;
    Risposta. Smettila con questa assurda verità che ci racconti da decenni.

    •Statuto Comunale;
    Risposta. Bella questa dello statuto comunale, lo inventò l’amministrazione comunale, ti risulta che ci sono comuni a cui manca questa inventiva? Pure il vecchio regolamento di consiglio comunale fece il Sindaco Catalano, ma lo sconfessò qualche giorno fa.

    •riqualificazione di tutte le opere pubbliche realizzate dai sindaci che lo avevano preceduto, come nel caso della villa comunale e della fontana ecc.ecc.;
    Risposta. Ma che dici, di quale opere parli, di quale riqualificazione. Cosa intendi per riqualificazione.

    •completamento della strada che collega Piazza san Vito alla chiesetta di Monferrato;
    Risposta. Fu fatta dal Sindaco Rosa Maria Brancato.

    •l’avere messo a titolo gratuito lo spiazzo di sua proprietà presso la zona Folletto a titolo gratuito per agevolare il rifornimento idrico di tutti gli allevatori e agricoltori ciminnesi;
    Risposta. E fu chiusa quando poi perdette le elezioni, ricordalo ai lettori.

    •l’avere recuperato tutti i mezzi del Comune di Ciminna come ad esempio l’autobotte e lo scuolabus per offrire migliori servizi a tutti i cittadini e alle famiglie ciminnesi;
    Risposta. Semmai l’avere venduta per ferro vecchio l’impianto di potabilizzazione in contrada canale.

    •l’avere permutato la macchina per il Sindaco che era stata da poco comprata dalla gestione commissariale per comprare il camioncino per la manutenzione del centro urbano di Ciminna, perché di più importante utilità per i ciminnesi…;
    •l’avere intestato le vie a papa Giovanni Paolo II, a Luchino Visconti, a Giuseppe Tommasi Di Lampedusa;
    •l’avere intestato le vie a due nostri illustri compaesani: al Deputato Monastero e al Senatore Antonino Riggio;
    •l’avere dato vita al Carnevale Ciminnese con la realizzazione dei primi carri;
    Risposta. Fu il parroco che ha dato vita al carnevale.

    •l’avere illuminato monte Rotondo al fine di valorizzarne le bellezze naturali e con esso parte del patrimonio paesaggistico di Ciminna;
    Risposta. L’opera che passò alla storia come l’illuminazione dei conigli imborghesiti ( di Peppe Masi )

    •l’avere realizzato l’insieme di eventi culturali che hanno dato vita alla realizzazione dell’estate ciminnese; Risposta. Ogni amministrazione ha realizzato eventi per l’estate Ciminnese.

    E perché no, l’avere sicuramente fatto anche degli errori. E’ ovvio!
    Risposta. Si un errore effettivamente l’hai fatto, hai notificato direttamente che l’attuale amministrazione a distanza di un anno e mezzo non ha realizzato nulla. Parli sempre del passato.

    Per non parlare di tutti i progetti lasciati in itinere, ma che purtroppo non sono ancora stati realizzati… ma che anzi avete fatto perdere.
    Risposta. Di quali progetti parli, avete lasciato un solo progetto che è quello del municipio vecchio e tra le altre cose stavate caricando i Ciminnesi di un altro mutuo. E poi, quando parli e dici avete fatto perdere, ti riferisci a Giuseppe Leone?

    ma visto che Vito Catalano per lei e questa persona che ha descritto… “uomo di fatti e misfatti che dal 75 ad oggi a rallentato la crescita culturale di Ciminna riducendola e mera merce di Scambio…” potrebbe allora spiegarci a tutti perché durante la composizione delle liste delle amministrative del 2012… ha fatto di tutto e anche di più per potersi candidare, come tutti i cittadini ciminnesi sanno… nella lista “Lavoro e Libertà” con il candidato Sindaco Vito Catalano?
    Risposta. Non ho fatto di tutto, avete fatto tutto voi. Anzi mi correggo hanno fatto tutto loro, perché a te non era consentito partecipare, semplice.

    Alleanza Democratica Universitaria non può che dire, che per qualificare l’inqualificabile comportamento umano e politico del Consigliere Salvatore Mannina nei confronti dell’uomo e del Sindaco Vito Catalano… non ci possono essere parole più appropriate di quelle della favola di Fedro.
    Risposta. Hai dimenticato di aggiungere, che fedro non si allontanò, aspetto che la vite si appassisse per mangiarla.

    Per quanto riguarda poi le cose da lei ricordate e realizzate dall’Associazione culturale “ Nuova Orizzonti”, le voglio ricordare che di essa ne faceva parte anche il sottoscritto il qualità di socio fondatore, assieme ad Eugenio Catalano (che le diede peraltro il nome) e tanti altri amici…Un’associazione alla quale tenevamo tutti molto e che tutti indistintamente avevamo fatto progredire a costo di grandissimi sacrifici… sino a quando ad un certo punto… lei assieme al suo pupillo di allora… con l’inganno… cercaste di asservirla esclusivamente ai vostri fini personali e politici causandone la morte…
    Risposta. Ecco perché conosci bene Fedro, ancora aspetti di assaggiare l’uva.

    Un velo pietoso che ha trovato piena conferma nel comizio di chiusura del dott. Giuseppe Leone, quando con grande coraggio e buon senso, a differenza sua,(cosa che nono ho potuto non apprezzare nonostante i durissimi contrasti avuti) ha chiesto pubblicamente e umilmente scusa per gli errori commessi… e per lo stato in cui Ciminna era stata ridotta durante la vostra Amministrazione… (2007 – 2011)tant’è che disse che mai più avrebbe portato le lancette dell’orologio indietro a danno di Ciminna, motivando il tutto che lei, Consigliere Mannina, era stato la causa prima del fallimento politico che tutti abbiamo subito…
    Risposta. Non comprendi, come Fedro: che le circostanze dovute alle annate, rendono l’uva avvolte dolce avvolte amara, è una questione di annata. Dalle vostre parti l’annata fu molto più propizia. Ma ora ascolta, oltre Fedro, che seppur intelligente, ci fu nella storia un uomo che per fama ed intelligenza lo supero di gran lunga, si chiamò Ulisse che con il suo destriero sconfisse la potente citta di Troia.

    Del resto Consigliere Salvatore Mannina, per capire quanto disinteressato è il suo modo di fare politica a salvaguardia delle tasche dei cittadini ciminnesi… basta guardare i pali della luce presenti fra le vie del nostro paese… per comprendere sino in fondo quanto illuminata e limpida è il suo modo di fare “ politica…”.
    Risposta. Sempre al caro Fedro, anziché saltare, nel tentativo di afferrare; usando semplicemente una scala, si potrebbe render conto che la sorgente di quella opaca luminescenza proviene da un materiale costruito nella lontana Tunisi, e che un dipendente del comune di Ciminna comprò per pochi soldi passando dalla via regione siciliana. Dici bene, quando specchiandoti nella terracotta la trovi illuminata e limpida, e aggiungerei anche sobria.

  18. Al PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
    AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
    AL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIA
    AL PAPA
    AL PRESIDENTE DEL SENATO
    AL PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI
    A TUTTI I PARLAMENTARI
    AI MINISTRI
    AI SEGRETARI DI PARTITO
    AI SEGRETARI DI TUTTE LE ASSOCIAZIONI
    AI SINDACI
    AI SICILIANI
    AI CONSIGLIERI CA VUTARU PATTUPPARISI A VUCCA
    AI CIMINNESI
    ALL’ARCIPRETE
    AI PRETI
    AI SANTI
    AI NAVIGATORI
    AI POETI
    A CHIDDI CHI SCERCANU SCECCHI MORTI PI LIVARICI I FERRI.
    A TUTTI QUELLI CHE NON STO MENSIONANDO.

    Allora…. ecco…. boh……insomma……. praticamente…… è certo che……
    Scusate ma purtroppamente mi sono concentrato a scegliere a chi dovevo scrivere e ho dimenticato quello che dovevo scrivere. Ma tanto questo è un fatto non importante.
    Comunquemente fondamentalmente volevo dire che: se ci sono cose buone e giuste le abbiamo fatte noi anzi “jo e me pà”, mentre viceversa le cose cattive e sbagliate le hanno fatte gli altri.
    Un suggerimento culturalmente elevato lo devo dare ai gestori di questo blog: fate anche voi un regolamento che prevede che gli interventi devono essere massimamente di 5 righe. Cosi almenamente i cimminnesi la finiranno di scrivere fesserie.

  19. Scusate l’intromissione, voglio raccontarvi una storia vera. Ieri nel tardo pomeriggio un amico a Palermo, durante una riunione, appena mi ha visto si è messo a ridere, io non capendo il perchè chiesi a mia moglie perche Luciano ridesse guardandoci, mia moglie mi controllò per vedere se magari il dentificio mi avesse lasciato i baffì, se il bottone della camicia era abbottonato a stranfosò, se magari avevo la cerniera lampo aperta o magari avevo dimenticato di mettere i pantaloni, ma nulla di tutto ciò era successo! Al chè feci segno x quale motivo rideva ( e pensai anche: chi minchia ci riri stu parmitanu?) e lui si è alzato dalla sedia per venire a spiegarci il perchè. In sostanza lui rideva perchè ieri pomeriggio a casa si era collegato a questo blog, come ogni venerdi fà rientrando dal lavoro, per tenersi informato, visto che spesso viene qui a ciminna avendo molte conoscenze e perchè apprezza la cucina di San Vito, e iniziando a leggere alcuni commenti sull’argomento che trattava i cantieri, si mise a ridere, chiamò immediatamente sua moglie che nel leggerli inizia a ridere anche lei, finendo di leggere tutti e due esclamarono:”minchia curtigghiù!!!!!
    Io non credo che questo blog sia un curtigghiù, nel termine vero della parola,lungi da me il pensiero, ma credo che invece sia una piazza virtuale in cui ognuno può esprimere, scrivendola, il suo punto di vista, sperando che l’invito fattovi che gli interventi non debbano superare le 5 righe, ironicamente dall’amico Fina non venga accolto, io credo che il loro era un modo comune a molti di esprimersi per poter dire che il tutto le era molto divertente, e non nascondo che alcune cose, leggendole, mi hanno divertito. Ho riflettuto e mi sono subito venuti in mente due vecchi proverbi
    1° -”Ognunu tira acqua pì purtallu o sò mulinu!”
    2° -”I panni sporchi si lavanu in famigghia”
    Io ho fatto due riflessioni sul 1° proverbio che diceva:”Ognunu tira acqua pì purtallu o sò mulinu!”……..stiamo attenti cà a farina stà finennu ‘nto mulinu, e malgrado l’acqua, alla fine rischiamu di moriri tutti (o quasi) di fami!”
    sul 2° proverbio che diceva:”I panni sporchi si lavanu in famigghia”………….. oggi si,preferisce lavarli in piazza (piazza virtuale)! Forse per il bene di tutti bisognerebbe, caso mai, falli asciugare e magari stenderli in piazza, in modo che ognuno dei cittadini li possa vedere bianchi e puliti!!!
    Che nessuno me ne voglia, credo sia giusto e legittimo che ognuno informi di ciò che succede i cittadini al di là delle proprie opinioni, ma forse non pensate che sia arrivato il momento di creare le condizioni di aprire una nuova fase in cui l’odio e i rancori politici vengano messe da parte, ognuno di noi si faccia il mea culpa e inizi a creare le basi per una sana collaborazione da parte di tutti? Credo che tutti ci accorgiamo che ogni settimana alle famiglie manca un proprio caro che è andato fuori in cerca di lavoro? Stiamone tutti certi che tra non molto, non ci sarà famiglia ciminnita che non sarà contagiata da ciò!
    saluti a tutti
    Benito Campobello

  20. Elia Catalano mi sembra come l’Inter… quando la squadra vince è merito dei calciatori e del giuoco mentre quando perde è colpa degli episodi. Cmq Forza Roma

  21. Ciminna, lì 06 ottobere 2013

    Associazione politico-culturale
    Alleanza Democratica Universitaria

    Al Responsabile di Agorà Ciminna
    Sig. Francesco Tusa

    All’amico e concittadino
    Geom. Benito Campobello

    Lettera Aperta a tutti i cittadini ciminnesi.

    Alleanza Democratica Universitaria non può che condividere ed accettare di vero cuore l’appello al quale si richiama l’amico e concittadino Benito Campobello e dice anche il perché:

    perché l’amico Benito Campobello e i cittadini ciminnesi sanno bene che è da più di 15 anni che ci rivolgiamo a tutte le forze politiche e sociali che operano a Ciminna… dicendo ad esse di seppellire definitivamente l’ascia di guerra.

    Una scuola di pensiero questa, del conseguimento della pace sociale e politica, che Alleanza Democratica Universitaria ha sempre seguito e testimoniato con i fatti e non con le sole parole, tant’è che, purtroppo, siamo state (assieme alla lista “Lavoro e Libertà”) l’unica realtà politico- culturale, negli ultimi 12 anni, che ad differenza di tutti coloro a cui ci siamo rivolti…, abbiamo cercato sempre di coinvolgere tutti in ognuna delle iniziative da noi prima promosse e poi realizzate (dalle conferenze alla proiezione dei film, ai progetti realizzati con l’Università di Palermo e con la Parrocchia, all’istituzione del liceo scientifico, dalla alla raccolte firme per fare istituire la scuola professionale ecc. ecc. all’ultimo progetto culturale da noi presentato all’inizio di settembre proprio del c.a.).

    A conferma del fatto che questa è sempre stata la stella polare seguita da Alleanza Democratica Universitaria…, invitiamo tutti ad andare a vedere il comizio su “YOU TUBE” in riferimento alle Amministrative del 2012 (pagina Ciminna) dove il sottoscritto, quando era ancora il responsabile cittadino dell’U.D.C. nel Comune di Ciminna, cita in diversi suoi passaggi, appunto, quanto fatto da Alleanza Democratica Universitaria durante il 2001 proprio per richiamare tutti alla pace politica e sociale.

    E’ da sempre, infatti, che Alleanza Democratica Universitaria opera in questa direzione e lo dimostra il fatto che ha sempre cercato di coinvolgere tutte le forze politiche, sociali ed istituzionale presenti sul Territorio in ognuna delle iniziativa da essa promossa, al fine di conseguire la crescita politica, economica, sociale e culturale del Comune di Ciminna e del Comprensorio, nel rispetto di tutti quei principi che stanno a fondamento della Costituzione Italiana.

    Un’azione questa ancora oggi confermata dall’ultimo progetto che Alleanza Democratica Universitaria ha presentato e cioè:

    ciclo di conferenze sulla Costituzione Italiana
    in memoria di Piero Calamandrei.

    Per Alleanza Democratica Universitaria questo, infatti, è il modo di operare al quale si deve ispirare chi vuole promuovere una sana politica e a un sano e rispettoso confronto dialettico con il lettore di questo e di altri blog… a prescindere da ciò che esso possa pensare o strumentalmente far pensare con il suo modo di ridere ed apostrofare…!!!

    Fare ciò per noi di Alleanza Democratica Universitaria ha significato assumerci da sempre la responsabilità delle nostre azioni sia in riferimento a ciò che diciamo, sia in riferimento a di ciò che facciamo, ed il tutto nel pieno rispetto dei cittadini ciminnesi e degli stessi avversari ed interlocutori politici mai da noi considerati nemici, tant’è, che, come abbiamo sopra scritto, abbiamo da sempre cercato di coinvolgerli anche quando ci sono venuti contro, come i più grandi ricorderanno…, per ostacolare ogni cosa da noi fatta.

    La prova, infatti, che Alleanza Democratica Universitaria, ieri come oggi, agisce disinteressatamente non per portare acqua al proprio mulino, ma all’intera comunità e al Comprensorio tutto… è data:

    •dal liceo scientifico presente qui a Ciminna, in quanto rappresenta ogni giorno da più di 12 anni la più grande e viva testimonianza di quanto ci teniamo attraverso la promozione di un sano impegno politico – sociale… a realizzare progetti ed iniziative culturali di cui tutti i cittadini ciminnesi e del Comprensorio ne possono trarre indistintamente vantaggio;

    •e per ultimo in ordine temporale, dall’iniziativa culturale succitata, (peraltro pubblicata su questo blog e che vi invitiamo di andare a vedere…) che siamo prossimi a realizzare in una sana cooperazione con tutte le realtà sociali, politiche, istituzionali e culturali presenti sul territorio che ci vorranno anche aiutare a realizzarla.

    Con affetto

    Il Presidente di Alleanza Democratica Universitatia

    Dott. Salvatore Elia Catalano

    —————————–

  22. letti da lontano quasi tutti i messaggi di questa conversazione :
    Mentre i medici discutono il paese lentamente e sembra inesorabilmente
    muore
    possibile che non riusciate a trovare il modo di collaborare? anche se appartenenti a schieramenti politici e di pensiero differenti.
    Ci sono riusciti o quasi perfino a livello nazionale e non ci riuscite in un paese dove vi conoscete tutti da una vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *