U Saramentu

IMG_3243

Questa Poesia la voglio dedicare a tutti i Confrati del SS. Sacramento.

Sentu lu ciavuru ri li inestri

e i lampi e i  cutri sunnu a li finestri,

a la cantunera l’artaru è quasi cunsatu,

stasira passa Gesù Saramintatu.

Mentri di li Vespri sonanu i campani

n’ta l’artaru cu metti i ciura, cu vinu e cu lu pani.

Sentu lu ciavuru ra menta ca si isa ‘nta li strati

e prontu cu miragghiuni o pettu è lu Confrati,

sona la banna e rulla u tammurinu,

IMG_2920

sta niscennu u Sacramentu e si rapi u bardacchinu.

Virennu passari u babbutu ‘ncappucciatu

viru un picciriddu ca s’ammuccia scantatu.

Pi ottu iorna nesci in pricissioni

si furria tuttu lu paisi pi dari la so binirizioni,

festi a Ciminna n’avemu tanti,

ma pi lu Cristianu chista è la chiù ‘mpurtanti,

picchì in pricissioni un c’è na statua o na cruci

ma u veru Corpu di di lu Cristu ca fu misu ‘nCruci.

di Davide D’Alessandro

banner WhatsAgorà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: