E ‘mpari Turi vitti lu mari

di Angolo Poesie*

mare San Vito Lo CapoLa prima vota
ca ‘mpari Turi vitti lu mari
avia già quasi sissant’anni
e quannu l’ebbi davanti,
assai maravigghiatu, si dissi:
– Maronna ru Carminu,
c’abbiviratura granni!
A ccà l’armali ponnu veniri
a miliuna pi livarisi l’arsura! –
E ca vucca aperta
arristò a taliari pi na bona menz’ura,
chi peri na dd’acqua cristallina
chi ccì dava granni friscura.
Poi, n’autra curiusità si vosi livari
e, jincùtasi la conca di la manu,
la vosi tastari.
Sbattiu li labbra
comu quannu s’assapura
un muccuni di vinu novu,
ma u sapuri ri dd’acqua
di comu si lu ‘mmagginava
era assai luntanu!
Turnatu o paisi,
l’amici sò chi l’aspittavanu,
tutti curiusi, ci misiru a dumannari:
– E allura, Turi, u viristi lu mari?
Com’é? Chi ‘mprissioni ti fici? –
E iddu, cu aria di granni sapituri,
ccià rispunniu:
– Beddu è! E’ accussì granni
ca nun finisci mai!
Lu celu ‘nterra pari!
Però vi dicu na cosa:
– comu la vita è lu mari …..
picchì sapi di sali !! –

*Domenica Pavone 

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *