U ‘nfami

di Davide D’Alessandro

23 Maggio 1992- 23 Maggio 2015

Questa mia poesia va a tutti gli uomini che hanno detto:”NO ALLA MAFIA”.

aranceto-di-renato-guttusoU Sicilianu è anticchia cunfusu

c’è cu lu chiama omu d’onori e cu mafiusu,

u primu ci vasa la manu quannu lu viri,

u secunnu ncarciri cerca di fallu iri.

La me terra ri secunni na chianciutu tanti:

magistrati,sindacalisti e omini santi.

Se sta liggennu e u to cori chianci

sappi ca c’è sempri spiranza ‘nta sta terra d’aranci;

se sta liggennu e riri

sappi ca ‘nto Patri Eternu puru tu cia iri.

Caru mafiusu ora parru cu tia

ca ti sta futtennu a terra mia,

ha capiri ca lu to ortu

è tirrenu mortu,

ca ri li to alivi e ra to racina,

nun’nesci mustu e ogghiu ma sintina,

po’ continuari a futtiri e fari miliuna,

ma un fannu ciavuru li to aranci e i limiuna,

ri li pali ri ficurini,

tu po’ cogghiri sulu i spini.

Sulu cu pi sta  terra duna amuri

ru so fruttu senti lu sapuri.

Ora torno a cu mi sta sintennu e una cosa ti ricu

Pensaci e arrispunnimi r’amicu

“Tu quannu lu viri comu lu chiami?”

Iu u taliu e dicu:” Talia  du ‘Nfami” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *