Ultima di campionato e festa della società

di Archimede Tusa

IMG_8560

Ciminna: Giustiniani, Siragusa, La Paglia, Tropia, Ferrara, Amato, Badami, Urso, Monastero, Guagenti, La Mattina. A disp: Anzelmo, Tantillo, Palma, Lazzara. All.: Tilotta

Caccamo:  Lo Bianco, Pecoraro, Ventura, Geraci, Insinna, Ilardi, Campisi, Cecala, Ventimiglia, Piritore, Nuzzo M. A disp: Di Benedetto, Vittorino, Damiani, Nuzzo A., Perna, Battaglia. All.: Perdichizzi.

Arbitro: Pulejo di Palermo.

Reti: 8° Piritore, 30° Ventimiglia, 57° Guagenti, 85° Perna.

Siamo arrivati alla conclusione di questa stagione calcistica, nella quale il Ciminna ha raggiunto la salvezza matematica prima di disputare gli ultimi 90 minuti contro l’agguerrito Caccamo che, al contrario, si presenta al comunale San Vito con  l’obbligo di centrare il risultato pieno per non dover passare dai play-out per rimanere nella categoria. Sono tantissimi i sostenitori venuti da Caccamo che insieme al numeroso pubblico locale accorso sulle sempre verdi tribune ecologiche del nostro stadio hanno fatto da degna cornice a questa sfida.

Prima dell’inizio della partita, la società biancorossa ha voluto ringraziare e dare visibilità all’intero settore giovanile biancorosso, guidato dai mister Paladino e Scimeca, dei quali abbiamo raccolto le interviste che seguiranno l’articolo.

E’ sempre splendido vedere come uno sport semplice unisca grandi e piccini in una passione che li seguirà per gran parte della loro vita.

Ma andiamo alla cronaca del match. Su un campo reso pesantissimo dalle abbondanti piogge degli ultimi giorni, la differenza è stata segnata dalle motivazioni. Infatti i Grifoni, ormai paghi della salvezza acquisita, si sono trovati di fronte alla concentrazione e alla voglia di vincere di un Caccamo che, dopo le prime 8 giornate concluse con 0 punti, si è reso protagonista di una splendida cavalcata verso la salvezza. Le due squadre scendono in campo con due moduli speculari (4-4-2), con la differenza che il Caccamo teneva una delle ali più alte in fase di possesso, attaccando così la difesa biancorossa con tre uomini. Nel Ciminna mister Tilotta affida la difesa al capitano Amato, il centrocampo al giovane Urso, tra le rivelazioni di questa stagione, mentre in attacco troviamo la coppia Monastero – Guagenti.

Dalle battute iniziali del match è il Caccamo a tenere il pallino del gioco. Gli ospiti si rendono subito pericolosi, ma Amato è bravo a chiudere sull’attaccante a due passi dalla linea di porta. All’8 è Ferrara ad intervenire in tackle sull’attaccante avversario in piena area,  inducendo l’arbitro a fischiare il rigore. Si presenta sul dischetto Piritore che trasforma spiazzando l’incolpevole Giustiniani. Il Ciminna cerca di rispondere affidandosi al suo uomo più ispirato, Monastero. In almeno un paio di occasioni l’attaccante biancorosso è abilissimo nel saltare 3 avversari e a servire ai compagni degli assist che gli stessi non riescono a concretizzare. Ed è proprio nel momento migliore del Ciminna che il Caccamo, conquistando palla a centrocampo su un rilancio errato, raddoppia: assist per Ventimiglia sul filo del fuorigioco che lascia partire un gran tiro da fuori area; è 2-0 Caccamo. Al 35° arriva la migliore occasione di marca Grifone con Ferrara che di testa sfiora l’incrocio dei pali sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Ma in chiusura di tempo è sempre il Caccamo a cercare di sfruttare gli ampi spazi concessi dai Grifoni, trovandosi l’ottima opposizione di Amato in un paio di chiusure e la grande parata di Giustiniani sul diagonale ravvicinato di Ventimiglia.

Al 57° arriva il gol dei Grifoni a riaprire la partita: Guagenti, dopo un ottimo scambio con Monastero, insacca il pallone in rete con un gran diagonale; 1-2. Al 70° Monastero avrebbe tra i piedi la palla del pareggio, ma l’attaccante biancorosso, solo davanti al portiere avversario, spara alto. Arriviamo così al gol del Caccamo che chiude la partita: Urso si fa sottrarre palla a centrocampo e il giovane Perna si invola così tutto solo verso la porta difesa da Giustiniani; 1-3 e partita praticamente chiusa al 78°.

Il Caccamo espugna il San Vito e riesce a confermare la categoria. Al Ciminna il merito di essersi salvato non in estremis e di aver onorato ancora una volta il campionato, seppur in mezzo a numerosi difficoltà e a numerose “sviste” federali.

Il Campionato si conclude con la vittoria del Casteltermini, che sfrutta l’ultimo passo falso del Prizzi conquistando direttamente la testa della classifica e la promozione nella categoria superiore. Per quanto riguarda i play-off si affronteranno la delusa Prizzi, fermata sul pareggio dal Giuliana che si conquista così una possibilità di salvarsi disputando i play-out, e il Siculiana, battuto in casa da un ottimo Roccapalumba. A seguire in classifica le altre deluse di questo campionato, Cattolica Eraclea e Milocca Milena, rimaste fuori dai giochi promozione dopo un girone di andata che li aveva visti protagonisti e entrambe sconfitte in questa ultima giornata. Più complicato il discorso salvezza. Alle tre classificate per i play-out, Lercara-Corleone-Giuliana, si affiancherà la perdente dello spareggio per la retrocessione diretta tra Virtus Bivona e Città di Agrigento.

 

Ciminna

Nuova Città di Caccamo

1 – 3

Milocca Milena

Virtus Bivona

1 – 2

Siculiana

Roccapalumba

1 – 2

Atletico Corleone

Cattolica Eraclea

2 – 1

Città di Giuliana

Prizzi

1 – 1

Albatros Lercara

Città di Agrigento

3 – 1

Real Unione

Casteltermini

1 – 2

 

CASTELTERMINI promossa in Promozione

PLAYOFF: Prizzi – Siculiana

SPAREGGIO RETROCESSIONE: Virtus Bivona – Città di Agrigento

PLAYOUT: Atletico Corleone – Perdente spareggio retrocessione; Albatros Lercara – Città di Giuliana

IMG_8487

IMG_8492

IMG_8509

IMG_8561

One Reply to “Ultima di campionato e festa della società”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: