Giaculatorie, mottetti e invocazioni sotto la “vara” del Patri d’i grazi di Ciminna: analisi di una poesia popolare.

di Domenico Passantino* Particolare e interessante risulta l’usanza di declamare delle giaculatorie da parte dei portatori della “vara” del SS. Crocifisso di Ciminna. Il dottor Vito Graziano nel suo Canti e leggende, usi e costumi di Ciminna del 1935, chiamandoli…

Continua a leggere Giaculatorie, mottetti e invocazioni sotto la “vara” del Patri d’i grazi di Ciminna: analisi di una poesia popolare.

La famiglia Amato ed i Libri proibiti della Biblioteca dei Cappuccini di Ciminna.

di Domeico Passantino La famiglia Amato, di cui facevano parte l’architetto del Senato palermitano Paolo e il maestro di cappella della cattedrale Vincenzo, doveva essere molto influente alla fine del seicento a Ciminna e a Palermo. Infatti uno dei Libri…

Continua a leggere La famiglia Amato ed i Libri proibiti della Biblioteca dei Cappuccini di Ciminna.

A furriata r’i torci a Ciminna. Sulla processione delle torce a Ciminna (echi pagani della Triade eleusina)

di Domenico Passantino* Durante la festa del Crocifisso di Ciminna, che si tiene la prima domenica di maggio, è tradizione la cosiddetta furriata r’i torci. Come è noto, la processione delle torce, oggi, comincia alle 15:00 del pomeriggio della domenica,…

Continua a leggere A furriata r’i torci a Ciminna. Sulla processione delle torce a Ciminna (echi pagani della Triade eleusina)

Biblioteca di Ciminna, in arrivo un nuovo studio sulle cinquecentine e i libri proibiti

 di Domenico Passantino Presso la Biblioteca dei Cappuccini di Ciminna «con decreto del 21 aprile 1738, dato a Roma dalla sacra congregazione dell’Indice, si ottenne il permesso di tenere in essa, fatte alcune eccezioni, tutti i libri proibiti, purché la…

Continua a leggere Biblioteca di Ciminna, in arrivo un nuovo studio sulle cinquecentine e i libri proibiti

Sulla bugia e la menzogna dai bambini agli anziani.

Deliri seriali di Domenico Passantino Riflettendoci il verbo italiano mentire, che deriva direttamente dal latinomentiri, è identico nella formazione e nel significato al siciliano ammintari, che erroneamente connettiamo con l’italiano inventare, col quale ha pure un rapporto, ma di contiguità: inventare vuol dire scoprire per  primo qualcosa: l’inventore è chi scopre, inventa qualcosa…

Continua a leggere Sulla bugia e la menzogna dai bambini agli anziani.