Firma la petizione, un parco giochi per i bambini di Ciminna

Diretta ai consiglieri comunali di Ciminna. 

Un parco giochi per i bambini di Ciminna.

lanciata da CiminnAttiva

parco-giochi-fregeneUn parco giochi attrezzato e curato è un diritto anche per i bambini di Ciminna, firma e sostieni questa petizione, dai voce ai bambini di Ciminna. Un parco giochi dove potere portare i nostri bambini a giocare in sicurezza e tranquillità? A Ciminna non c’è. Chiediamo di pavimentare una piccola area della villa comunale, arredarla con un po’ di giochi nuovi e decenti, e con qualche panchina per creare un luogo di svago dove le famiglie possano portare i propri bambini a giocare e divertirsi in sicurezza e in compagnia. Anche i bambini di Ciminna hanno diritto ad avere il LORO PARCO GIOCHI.

 

FIRMA LA PETIZIONE

https://www.change.org/it/petizioni/ai-consiglieri-comunali-di-ciminna-un-parco-giochi-per-i-bambini-di-ciminna

 

8 Replies to “Firma la petizione, un parco giochi per i bambini di Ciminna”

  1. Un parco giochi per i bambini di Ciminna.

    lanciata da CiminnAttiva

    Un parco giochi attrezzato e curato è un diritto anche per i bambini di Ciminna, firma e sostieni questa petizione, dai voce ai bambini di Ciminna. Un parco giochi dove potere portare i nostri bambini a giocare in sicurezza e tranquillità? A Ciminna non c’è. Chiediamo di pavimentare una piccola area della villa comunale, arredarla con un po’ di giochi nuovi e decenti, e con qualche panchina per creare un luogo di svago dove le famiglie possano portare i propri bambini a giocare e divertirsi in sicurezza e in compagnia. Anche i bambini di Ciminna hanno diritto ad avere il LORO PARCO GIOCHI.

    Di Salvatore Elia Catalano

    Lettera aperta a tutti i cittadini ciminnesi

    Leggo nell’articolo di cui allego copia, che si sta promuovendo una raccolta firme al fine di dotare la nostra comunità di un parco giochi attrezzato per i bambini.

    Sicuramente è giusto promuovere una iniziativa del genere se un’Amministrazione Comunale nulla facesse al fine di raggiungere tale obiettivo.

    Però devo dire che non è il caso dell’Amministrazione guidata dal Sindaco Vito Catalano.

    Infatti mi chiedo e vi chiedo cari amici e concittadini ciminnesi:

    coloro che hanno promosso questa raccolta firme, cosa che dovrebbe essere scontata…, prima di avviarla si sono recati al Comune di Ciminna al fine di parlare con chi di competenza per capire e verificare se si sta facendo qualche cosa in merito?

    Perché se lo hanno fatto… e hanno appurato che nulla si sta facendo in merito, allora è no giusto, ma più che giusto avviare non una, ma dieci, cento, mille raccolte firme sull’argomento che stiamo trattando.

    Ma se invece quanti stanno promuovendo questa raccolta firme non si sono recati prima al Comune di Ciminna per informarsi adeguatamente sull’argomento con i responsabili degli uffici preposti…, allora mi sembra strano che poi avviino una raccolta firme, dando ad intendere che l’Amministrazione Comunale non sta facendo nulla in merito e che sia di conseguenza insensibile alle esigenze dei bambini ciminnesi. Questo infatti non è vero, anzi tutt’altro, e adesso lo dimostrerò.

    In realtà e ci tengo a dirlo, l’Amministrazione Comunale guidata da Vito Catalano e tutti gli Assessori Comunali già da molto tempo stanno facendo il possibile anche sul piano personale… per dotare la nostra comunità di un parco giochi.

    Una cosa questa che avrebbero benissimo anche potuto appurare quanti hanno avviato la raccolta firme…, se prima avessero avuto la delicatezza di andarsi ad informare, come sopra ho scritto, al Comune al Comune di Ciminna con chi di competenza.

    Perché non lo hanno fatto? A voi la risposta cari amici e concittadini ciminnesi.

    Affermo ciò, perché so benissimo di cosa sto parlando.

    Affermo ciò perché io personalmente, da cittadino ciminnese, già qualche settimana fa, per l’ennesima volta, mi sono recato dall’ingegnere Luciano Bitonto, cosa che invito tutti anche di fare…, per capire cosa i nostri Amministratori stanno facendo in merito.

    Devo dire che molto educatamente l’ingegnere Bitonto mi ha dato tutte le delucidazioni del caso sull’argomento, dicendomi che l’Amministrazione sta facendo quanto in suo potere per dare ai bambini ciminnesi un parco giochi degno di questo nome.

    Mi ha anche detto che già ci sono stanziate anche le somme ecc. ecc. e mi ha dato anche tecnicamente delle informazioni sul tipo di pavimentazione che intende istallare e che sono di due tipi:

    •pannelli;

    oppure

    •erba sintetica.

    Questo mi ha detto e questo vi dico.

    Appurato ciò, ci siamo salutati molto cordialmente e sono andato via con la certezza che quanto prima, nel rispetto dei tempi burocratici necessari…, i bambini ciminnesi saranno muniti di un parco gioghi attrezzato, ovviamente nel limite delle possibilità di spesa di cui in questo triste momento storico in comuni italiani possono disporre….

    Ora fate voi cari amici concittadini… Se volete continuare la raccolta firme fate pure, ma sappiate che già è stato predisposto dall’Amministrazione Comunale quanto necessario per realizzare un parco giochi per tutti i bambini ciminnesi.

    Con affetto grande
    Salvatore Elia Catalano.

  2. Leggendo questo articolo del dott Salvo Elia fa capire che forse qualche gioco in più ci sarà . Ma il campo di calcetto che è pure un parco di gioco ,i miei figli o i figli di tutti i ciminnesi quando ci possono giocare Non penso fra 100 anni

  3. Siamo più informati di quel che qualcuno pensa, infatti siamo intervenuti di proposito in questa fase, perchè noi pensiamo che Ciminna debba avere un parco giochi vero, pulito, accogliente e sicuro. Piantare qualche giochino in mezzo alla polvere e alle pietruzze quello è spendere soldi inutilmente. Quando vedremo i risultati, se Ciminna avrà un bel parco giochi degno di un paese civile come il nostro, allora ne prenderemo atto, senza ovviamente ringraziare nessuno, perchè sono atti dovuti.

  4. Ciminna, lì 1 giugno 2014

    Di Salvatore Elia Catalano

    Lettera aperta a tutti i cittadini ciminnesi

    Per quanto riguarda il calcetto posso dire solo quanto segue.

    Da quando è salita l’Amministrazione guidata da Vito Catalano:

    Punto primo

    sono subito state reperite le somme per fare una nuova gara al fine di completare il calcetto;

    Punto secondo

    è stata appaltata la gara vinta da una ditta di Catania che poi purtroppo ha rifiutato il lavoro;

    Punto terzo

    è stata appaltata una nuova gara a fine aprile 2014, ma che purtroppo è andata deserta.

    Penso che in merito, più di questo un’Amministrazione che è salita da appena due anni non avrebbe potuto fare, soprattutto se si considerano, come tutti sapete…, le tantissime problematiche alle quali quotidianamente, in questo difficilissimo momento storico, devono cercare di far fronte i sindaci di tutti i Comuni Italiani.

    Non credo, infatti, che sia colpa di Vito Catalano e dell’Amministrazione da lui guidata, se una ditta lascia il lavoro che si è aggiudicato.

    Non penso che sia colpa di Vito Catalano e dell’Amministrazione da lui guidata se una gara vada deserta.

    Va anche detto che ancora una volta Vito Catalano e l’Amministrazione da lui guidata e l’Ufficio Tecnoco si sono subito attivati per attuare ogni procedura prevista dalle leggi in vigore al fine di poter assegnare il lavoro per completare il calcetto.

    Pertanto, invito ancora una volta tutti i cittadini ciminnesi di verificare quanto sto scrivendo.

    Per farlo basta semplicemente che ogni uno di voi, cari amici e concittadini ciminnesi, si rechi presso l’UfficioTecnico del Comune di Ciminna, così come io ho più volte fatto in questi anni sino a qualche giorno fa, persino con i giovani ragazzi di Ciminna.

    Con affetto grande
    Salvatore Elia Catalano

  5. X il dott Elia ,punto primo nessuno a detto che la colpa e del sig Catalano Vito,Che tu subito metti in prima persona, Ma di questo benedetto calcetto se ne parla sempre di più di 50 anni. Non capisco come mai con questa crisi non ci sono ditte per sistemare questo calcetto ,ma potrebbe significare chi a quantificato la somma x metterlo a norma forse non basterebbero ? Però vedo prima mancava l’erbetta poi mancano le porte poi manca la ditta per metterlo a norma alla fine se mio figlio si deve divertire un può ,dovrei andare fuori ,tutto questo a me fa tanta rabbia. Credimi non sono di parte politica ma un concittadino che vede sempre di più il suo paesino che va sempre più indietro non te la prendere ciao .

  6. Di Salvatore Elia Catalano

    Credetemi, anche a me ci sono tante cose che mi fanno rabbia…, ma l’unico modo che conosco per far fronte alle cose che non vanno è quello di cercare nel limite delle mie possibilità di mettere la mia persona e le mie conoscenze scientifiche a distosizione del contesto in cui vivo.

    Motivo questo, ad esempio, per cui domani in occasione della Festa della Repubblica proietto un film al Tempio Club ove invito tutti voi di vero cuore a partecipare.

    Per quanto riguarda poi ciò che è andato indietro in questi ultimi anni… è stato il Paese Italia nel suo complesso… Una crisi che appunto inevitabilmente non può fare altro che colpire duramente anche i piccoli Comuni come il nostro.

    Questo è il quadro generale con cui i nostri Amministratori si confrontano quotidianamente.

    Una crisi generale e insieme politico, economico e finanziaria che coinvolge l’Italia e l’Europa intera.

    Una crisi generale europea titanica, nella quale i nostri Amministratori, a differenza nostra, devono cercare di attenzionare e risolvere quotidianamente non solo le problematiche che a ogni uno di noi stanno giustamente a cuore, come quelle che appunto sono calcetto e parco giochi.

    Un quadro generale che li vede impegnati nel cercare di far fronte alle mille cose piccole o grandi che ogni giorno accadono nella nastra comunità e nel nostro Territorio.

    Ecco perché dovremmo infatti essere un poco più comprensivi.

    Sicuramente quest’ Amministrazione ha fatto anche degli errori e sicuramente ne farà ancora di altri, ma sicuramente non ha commesso l’errore di non fare, ieri come oggi, quanto è nelle sue umane possiblità affinché le cose a Ciminna possano migliorare.

    Per valutare infatti come oggi è Amministrata Ciminna… non si deve, infatti, usare quale termine di paragone come ad esempio è stato Amministrato in passato anche dall’attuale sindaco, ma lo si deve paragonare in questo preciso momento storico al resto di tutti gli altri paesi e città della Sicilia.

    Basta leggere i giornali ed ascoltare i tg… per capire quanto in generale è triste e grave la situazione per tutti i Comuni italiani, e come a Ciminna nonostante le difficoltà storiche del momento… vengono comunque garantiti ancora tutti quei servizi che la maggior parte dei comuni siciliani non riescono più purtroppo a garantire ai propri concittadini.

    Servizi di prima necessità quale l’erogazione dell’acqua, la pulizia del paese, delle sue vie, delle sue piazze, della sua villa comunale ecc. ecc.

    Si sa, infatti, che anche il buon contadino nel momento di siccità e di carestia… sicuramente vede annullata ogni sua capacità di realizzare le sue idee e nel raccogliere in proporzione a quanto seminato, e questo sicuramente a prescindere da ogni suo indiscusso e sincero impegno e sacrificio quotidiano…

    Con affetto grande

    Salvatore Elia Catalano

  7. speriamo che qualche ditta fortunata che viene sorteggiata più spesso delle ditte locali ,possa definire la complessa faccenda del campetto di calcetto.
    rivolgiamoci a Godrano e/o Ventimiglia di Sicilia sicuramente possono completare il lavoro con poche decine di euro.
    buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: