Un viaggio verso la luce

S’annida il dolore
fra gli aridi arbusti,
nei nidi di rovi,
sugli occhi rapaci.

S’annida il dolore
sui precipizi inventati,
sui sentieri melmosi
sulle coscienze devastate.

S’annida il dolore
sulle pergole spoglie,
nelle valli uggiose
che occultano il sole,

sulle tombe marmoree
che gelano il velo.

S’annida dove
nasce l’orrore,
e il male inventa
i suoi inganni,

quando l’amore è rinuncia.

S’annida dovunque
rifugge la Luce,
la Parola rivelata.

di Maria Francesca Barbaria

 

BRANO CONSIGLIATO PER LA LETTURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *