Emergenza Coronavirus: Appello al rispetto, alla serietà e alla fiducia.

di Agorà Ciminna

“Appello alla nostra comunità”

Nelle ultime ore siamo venuti a conoscenza di diverse dicerie, come purtroppo capita spesso nel nostro paese, riguardanti alcuni nostri concittadini, in alcuni casi si fanno anche i nomi ed i cognomi, in barba ad ogni garanzia di privacy ed ignari dei rischi , che pare abbiano avuto un contagio da Covid-19.

Notizie non verificate, prive di fondamento e che potrebbero rappresentare soltanto ipotesi visti alcuni naturali collegamenti che possono nascere in seguito agli ultimi aggiornamenti di nuovi focolari nella città di Palermo.

Vi vogliamo fare riflettere sull’importanza che può assumere anche un semplice messaggio whatsapp in questo momento, invitando tutti alla massima prudenza, nel rispetto di chi in queste ore sta gestendo l’emergenza continuando a lavorare e di chi magari vive insieme alla propria famiglia dei momenti di ansia, di dubbio e incertezza.

Non basta un messaggio, inviato “tanto per” con una buona dose di negligenza e superficialità per certificare, acclarare o addirittura sentenziare un dato di fatto. In un momento in cui tutti noi siamo ancora più a contatto con smartphone, computer e internet utilizziamo il nostro tempo per verificare attentamente la veridicità delle notizie che circolano sul web.

Come? Per esempio prestando attenzione alle fonti, alla data di pubblicazione e ricercando la notizia appena letta su altri siti di informazione più affidabili e su quelli governativi. Qualora siate vittima o venite a conoscenza di una fake news, inoltre è possibile segnalarla alle autorità competenti anche attraverso un semplice click al sito della polizia postale (https://www.commissariatodips.it/index.html), il quale ne verificherà la veridicità e provvederà alle azioni necessarie qualora venga rilevata un’infrazione.

Comprendiamo bene lo stato d’animo che ognuno di noi vive in questi giorni di quarantena, ma ciò non può esimerci nell’avere rispetto per i nostri concittadini e fiducia nelle nostre istituzioni. Saranno, infatti, gli organi competenti a dare le dovute comunicazioni ufficiali qualora necessario.

Fino a quel momento ad ognuno il compito che gli spetta, e per quanto possibile, restare a casa ed agire con serietà, rispetto e fiducia.

#iorestoacasa

#andràtuttobene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *