Rosario Priolo ci racconta del soldato americano che nel 1943 si permise di scherzare “cu Santu Patri”.

di *TI CUNTU UN CUNTU – Per non dimenticare, rivolto alle nuove generazioni. 6° puntata Un detto ciminnito dice “BABBIA CU I FANTI, MA NU BABBIARI CU I SANTI”.Con questo detto si invitano le persone a scherzare tra commilitoni, amici o compagni di viaggio, ma non con i Santi. Questo detto calza a pennello per un evento accaduto nel 1943, durante l’occupazione americana a Ciminna, presso la chiesa di san Francesco di Paola, in cui alcuni soldati americani si permisero…

Continua a leggere Rosario Priolo ci racconta del soldato americano che nel 1943 si permise di scherzare “cu Santu Patri”.

Ti cuntu un cuntu: A robba di Patri Bonnì.

di *TI CUNTU UN CUNTU – per non dimenticare, rivolto alle nuove generazioni 5° PUNTATA Un detto ciminnitu dice: “A URA DI ROBBA GUARDATI PURU RI TO PATRI CA TI FICI”. Dicasi così quando si procede o si pensa alla spartizione dei beni familiari, che bisogna guardarsi e stare attenti alla loro divisione o assegnazione testamentaria, anche dai familiari più stretti. In questa puntata vi voglio parlare della “robba di Patri Bonnì”, ossia della divisione dell’eredità devoluta per testamento dal…

Continua a leggere Ti cuntu un cuntu: A robba di Patri Bonnì.

U cuntu di “Fra Currau, ca lu tempu lu gabbau”

di *TI CUNTU UN CUNTU – Per non dimenticare, rivolto alle nuove generazioni. 4° puntata. Un detto ciminnitu dice “A GADDINA SI SPINNA MORTA E NO VIVA”. Il detto viene utilizzato come lezione di vita, in quanto delle proprie sostanze, dei propri averi, per non beccarsi una bella fregatura, bisogna spogliarsi dopo la morte e non in vivenza. Il detto si riferisce anche ad una storia paesana realmente accaduta nel XVII° secolo a fra CORRADO BOERI da Noto che visse…

Continua a leggere U cuntu di “Fra Currau, ca lu tempu lu gabbau”

“Pari u rimitu” Rosario ti cunta un cuntu.

di Agorà Ciminna* TI CUNTU UN CUNTU – Per non dimenticare,rivolto alle nuove generazioni – 3° puntata Un detto Ciminnitu dice “PARI U RIMITU”.Dicasi di persona che vive in solitudine, in isolamento, appartato e spesso anche non socievole. Il detto si riferisce anche alla figura del “RIMITU”, romito o frate laico del Terz’ordine Francescano, che per secoli è stato presente a Ciminna nel Romitorio della Chiesa di San Vito Martire al Colle. La chiesa come tutti sappiamo si erge sulla…

Continua a leggere “Pari u rimitu” Rosario ti cunta un cuntu.

Rosario Priolo inaugura “Ti cuntu un cuntu” iniziativa per mantenere viva la memoria storica.

di Agorà Ciminna “Ti cuntu un cuntu” è l’espressione rivolta dai grandi verso i più piccoli per predisporli all’ascolto di un racconto, una storia oppure un semplice aneddoto. Di solito i protagonisti sono dei personaggi del passato, reali o immaginari come ad esempio il famosissimo Giufà. Ma questa non è una vera e propria peculiarità del “cuntu“, altre volte la narrazione può riguardare anche una situazione o molto semplicemente un modo di dire. L’intento di Rosario Priolo è proprio quello…

Continua a leggere Rosario Priolo inaugura “Ti cuntu un cuntu” iniziativa per mantenere viva la memoria storica.
(fonte https://www.crisiswatch.it/wp-content/uploads/2020/05/odessa-sito-1.png)

L’incendio di Odessa

di Filippo Leto Negli ultimi giorni sono diverse le città ucraine risaltate alla cronaca per via degli scontri che si stanno svolgendo fra russi e ucraini, scontri che non hanno risparmiato nemmeno le città marittime che si affacciano sul Mar Nero. Prima dell’annessione della Crimea alla Federazione Russa, la città marittima più importante dell’Ucraina era Sebastopoli, città dotata di un trafficato porto commerciale ma soprattutto una città di mare che raccoglieva il grosso della flotta della marina militare ucraina. Perdendo…

Continua a leggere L’incendio di Odessa

La fabbrica russa delle bugie

di Filippo Leto Se si pensa alla guerra difficilmente si riesce a non pensare alle immagini di soldati che sparano raffiche di proiettili dalle loro mitragliatrici, che si riparano dallo scoppio di una bomba o ancora a carri armati, aerei, navi che mostrano i muscoli tra i fotogrammi di video provenienti da qualche parte del mondo. Ciò che strano è in ogni conflitto c’è sempre un elemento che arriva in punta di piedi, quasi invisibile, ma che ne caratterizza più…

Continua a leggere La fabbrica russa delle bugie

Lo scoppio di una bomba accesa da un decennio

di Filippo Leto Chi accendendo la tv appena sveglio, ascoltando la radio mentre andava a lavoro o chi semplicemente ha guardato il proprio smartphone con gli occhi ancora semichiusi, giovedì mattina ha scoperto che le forze armate russe avevano oltrepassato il confine ucraino. La notizia è stata una doccia fredda, perché di fatto ha spazzato dalla mente e dal cuore di ognuno di noi la speranza che tutto si potesse risolvere in maniera diplomatica. Vengono trasmesse immagini di carri armati,…

Continua a leggere Lo scoppio di una bomba accesa da un decennio

Inizia il countdown delle elezioni amministrative 2022, le date e i possibili scenari.

di Agorà Ciminna In queste ore, l’assessore regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica, Marco Zambuto, sta passando al vaglio le possibili date delle prossime elezioni amministrative 2022. Una tornata elettorale che chiamerà alle urne oltre un milione di siciliani per eleggere 119 sindaci e diversi consiglieri comunali. In totale sono 13 i comuni siciliani dove si voterà con il sistema proporzionale, tra cui figurano Palermo e Messina, quest’ultima in anticipo a causa delle dimissioni del sindaco Cateno De…

Continua a leggere Inizia il countdown delle elezioni amministrative 2022, le date e i possibili scenari.