Al “Padre di Grazie” ci affidiamo in un grido di speranza.

di Angolo Poesie

Oggi 8 Maggio 2021 ultimo giorno di ottava dedicata al SS. Crocifisso “Padre di Grazie”, in questo tempo di prova per l’umanità intera, pubblichiamo il seguente testo di Pina Maria Scibetta.

“L’ho scritta per te,- scrive l’autrice – certa che le nostre paure, con la tua vicinanza, diventeranno speranza di vita nuova❤”

Patri ri li grazij siti,
sta grazia si putiti, n’aviti a fari,
ri sta pandemia n’aviti a liberari.
Cu firi ferma e animu ‘mpena
vi taliamu e a vui ni rivurgemu.
Vui ca siti mericu ri tutti i malati,
ogni casa liberati
ri stu virus malirittu
ca ni sta livannu ogni prugettu e ogni dilettu.
Sulu morti e lacrimi n’ha purtatu,
u sonnu ra notti n’ha livatu.
Tutti luntani ama stari
Patri e figghi un si ponnu abbrazzari.
Cosi ri foddi finu a un annu fa,
ora addivintaru nurmalità.
Pari un incubu senza fini
taliani cu l’occhi ri Misiricordia chini.
Stu munnu senza ri vui è persu,
Iurnati tutti uguali, grigi e senza versu.
Patri amurusu ri cieli
scaccia sti nostri brutti pinseri.
Ri spiranza cuspargi sta terra,
trasfurma in paci sta guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *