L’emigranti

imbarco_dei_bagagli_degli_emigranti_sul_piroscafo_tomaso_di_savoia_del_lloyd_sabaudo._1919L’8 Agosto del 1956 a Marcinelle morirono centinai di emigrati innocenti. Erano andati in contro alla fortuna e trovarono la morte a causa delle cattive condizioni di lavoro nelle miniere di carbone.

Il ricordo della catastrofe di Marcinelle deve rimanere vivo affinché  non si dimentichi il male causato a centinai di emigrati italiani e alle loro famiglie. Ma sopratutto per non ripetere quelle atrocità e dare dignità al lavoro ed a i nuovi immigranti che vengono in Italia alla ricerca di speranza.

La poesia di Domenica Pavone è dedicata a tutti coloro i quali hanno avuto il bisogno di emigrare e lasciare la propria terra spostandosi in America ma anche al nord Italia. A loro va il nostro saluto ed è per loro che continuiamo a mantenere vivo questo sito, al fine di portare Ciminna nel mondo e nelle loro case. Ciminna vi aspetta per darvi il suo caloroso abbraccio.

 

A unu a unu, li jorna li cuntavi,
comu zita ca s’avi a maritari !
Oggi lu sognu s’è avviratu!
Lu tò disideriu alfini è rializzatu!
Dopu anni e anni ….
la tò terra torni a visitari,
senti lu caluri di lu suli,
rispiri forti l’aria ,
pari ca ti la vò manciari!
Riviri li muntagni bruni,
li virdi chianuri, l’azzurru mari !
Ritrovi ,di tutti li parenti ,
l’anticu affettu,
ti vasanu cun amuri,
ti strincinu forti a lu so pettu!
E tu riri, chianci e riri,
e forti ti batti lu cori!
Ti senti frasturnata ,
ti senti emuziunata
e nnà tò menti penzi :
– terra mia amata, quantu mi sì mancata ! –

di Domenica Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *