Dal virtuale al reale, 5° edizione simposio di poesie “Ad una rima dall’Agorà”

di Agorà Ciminna

Parru cu tia

La poesia come tutti le arti del resto, ha un forte potere comunicativo, arricchisce la nostra immaginazione attraverso il contributo di parole utilizzate dal poeta come delle pennellate su un quadro poste qua e là, seguendo un certo ordine che riesce a dare forma ad una creatura che è sua e nostra allo stesso tempo, a seconda delle nostre interpretazioni e visioni. Noi di Agorà Ciminna abbiamo sempre creduto in questo forte impatto curando la rubrica “Angolo Poesie” e ancora una volta vi proponiamo questo passaggio di condivisione dal virtuale al reale, dove nella magnifica cornice di Piazza San Giovanni ogni poeta avrà la possibilità di incontrare il suo pubblico e tentare di emozionarci, divertirci e farci riflettere con i suoi versi.

Per la 5° edizione del nostro simposio abbiamo pensato, di giocare anche con i proverbi siciliani e con l’interazione del pubblico. Chiederemo ad ogni poeta di proporvi oltre alla poesia anche un proverbio e daremo la possibilità a chi ne fa richiesta di interagire con i poeti per meglio interpretare il componimento, ma anche per scoprirne curiosità e aneddoti. Le poesie avranno tema libero e saranno oggetto di discussione, proprio per favorire lo scambio culturale che ci siamo sempre prefissati di attuare, convinti che grazie ad una condivisione di idee sempre maggiore, tutti possiamo trarne smisurati benefici.

Invitiamo i poeti a farci pervenire le adesioni entro il 31 luglio 2019 e vi diamo appuntamento a Domenica 11 Agosto 2019 alle ore 21:00 in piazza San Giovanni dove insieme ai poeti vi riserveremo altre sorprese.

PARRU CU TIA di Ignazio Buttitta

Parru cu tia,
to è la curpa;
cu tia, mmenzu sta fudda
chi fai l’indifferenti
ntra na fumata e n’autra di pipa
chi pari ciminera
sutta di sta pampera
di la coppula vecchia.
Parru cu tia,
to è la curpa
si porti lu sidduni
e un ti lamenti;
si lu patruni, strincennu li denti
cu lu marruggiu mmanu e la capizza
t’arrimoodda li corna e ti l’aggrizza,
t’arrimoodda li corna
ti smancia li garruna,
ti’nfila inta la panza purpittuna,
t’ammacca ossa e spaddi,
ti sfricunia li caddi,
ti scorcia li custani,
ti spurpa comu un cani,
e supra la to carogna
ci sputa e ti svirgogna.

Parru cu tia,
to è la curpa.
Ti dici lu parrinu:
(li beni di lu munnu
su fàusi
e murtali
ca ddà supra tutti scàusi
arrivamu
e tutti aguali);
e tu ci cridi e ti scordi
dda casa e ddu pirtusu
unni sdivachi l’ossa;
e li to figghi ntra dda fossa
cu li vrazzudda ah’aria,
giarni comu malaria,
sicchi e sucati
com’umbri mpiccicati
a lu muru, schèlitri e peddi di tammuru;
ca si disianu farfalli
pi essiri vistuti,
agneddi pi sèntiri càvudu:
e gatti e cani pi spurpari ossa.

Parru cu tia,
to è la curpa
si la to casa pari un barraccuni
di zingari sfardati:
la scupa ntra n’agnuni
e scorci di patati,
lu cufularu cìnniri,
di crita la pignata:
e to muggheri
l’ossa di pècura spurpata;
li matarazza chini
di crinu di zabbara
e matri patri e figghi
tutti ntra na quadara;
lu sceccu a vista d’occhi,
chi Piscia e fa scurnazza
gialla, ca la ristuccia
ntra li vudedda sguazza;
e fradicia appizzata
a pignu ntra l’arcova,
una cucuzza pàpara
ca prerni russu d’ova;
e la farni chiantata
all’antu di la porta
cu la vuccazza aperta
e la facciazza svuorta.

Parru cu tia
to è la curpa
Sfarda sta carnrnisazza arripizzata,
tìncila e fanni un pezzu di bannera,
trasi dintra li casi puvireddi,
scinni nni li carusi carzarati,
sduna pi li stratuna e li trazzeri,
chiama picciotti e vecchi jurnateri,
cerca dintra li fùnnachi e li grutti,
l’ominí persi, abbannunati e rutti,
grìdacci cu la vuci d’un liuni:
«genti, vinni lu jornu a li diuni!»

Sfarda sta carninisazza arripizzata,
tìncila e fanri un pezzu di bannera
e pi torcia lu to vrazzu e lu to pusu:
unniala a li venti a pugnu chiusu:
russa era la tònaca di Cristu!

PARLO CON TE

Parlo con te
Tua è la colpa;
con te, in mezzo a questa folla
che fai l’indifferente
tra una fumata e l’altra di pipa
che sembra ciminiera
sotto la visiera
di berretto vecchio.

Parlo con te,
tua è la colpa
se porti il giogo
e non ti lamenti;
se il padrone, stringendo i denti
col bastone in mano e la cavezza
ti ammorbidisce le corna e le raddrizza,
ti ammorbidisce le corna
ti corrode la gola
ti conficca nei fianchi grossi pesi
ti comprime le ossa e le spalle,
ti sfrega i calli,
ti gratta le croste,
ti spolpa come un cane,
e sulla tua carogna,
ci sputa e ti svergogna.

Parlo con te,
tua è la colpa.
Ti dice il prete:
(i beni del mondo
sono falsi
e mortali
e lassù  tutti scalzi
arriviamo
e tutti uguali);
e tu ci credi e dimentichi
quella casa e quel buco
dove butti le tua ossa;
e i tuoi figli nella fossa
con le pance vuote
e le braccine all’aria,
pallidi come malaria,
magri ed emaciati
come ombre appiccicate
al muro, scheletri e pelle di tamburo;
che desiderano (essere) farfalle
per avere un vestito,
agnelli per sentire calore:
e gatti e cani per spolpare ossa.

Parlo con te,
tua è la colpa
se la tua casa sembra una baracca
di zingari stracciani:
la scopa nell’angolo
e bucce di patate,
la cenere nel focolare
la creta nella pentola:
e tua moglie
ossa di pecora spolpata;
i materassi ripieni
di foglie di agave
e madre, padre e figli
tutti in un calderone;
l’asino a vista
che piscia e caca guazza
gialla, ché l’acetosella
tra le budella sguazza;
fradicia appesa
al chiodo nell’alcova,
una zucca rossa
che pende rosso d’uova,
piantata una…
all’anta della porta
con le mascelle aperte
e la boccaccia storta.

Parlo con te,
tua è la colpa
Straccia questa camicia rattoppata,
tingila e fanne un pezzo di bandiera,
entra dentro le case dei poveri,
scendi tra i bambini carcerati
dissèminati per le strade e le trazzere,
chiama i giovani e i vecchi giornatari,
cerca dentro i fondaci e le grotte,
gli uomini perduti, abbandonati e piegati,
grida loro con la voce da leone:
“gente è venuto il giorno del riscatto!”

Straccia la tua camicia rattoppata,
tingila e fanne un pezzo di bandiera
e per torcia il tuo braccio e il tuo polso:
àgitala al vento a pugno chiuso:
rossa era la tònaca di Cristo!

Traduzione di Maria Rosa Giannalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: