La leggenda del tesoro nella grotta di Monte Rotondo a Ciminna. Come sciogliere l’incantesimo.

*di TI CUNTU UN CUNTU – Per non dimenticare, rivolto alle nuove generazioni. 7° puntata Un detto dice: “I sordi vannu e vennu”. Dicasi così quando, per vari motivi e soprattutto per disgrazia, si spendono tanti soldi e tante energie e, in seguito, si spera di poterne guadagnare più di quanto speso o sprecato, l’importante rimanere in salute e in vita. In questa puntata vi parlerò del tesoro incantato che, secondo la leggenda, si trova all’interno della grotta di Monte…

Continua a leggere La leggenda del tesoro nella grotta di Monte Rotondo a Ciminna. Come sciogliere l’incantesimo.

Rosario Priolo ci racconta del soldato americano che nel 1943 si permise di scherzare “cu Santu Patri”.

di *TI CUNTU UN CUNTU – Per non dimenticare, rivolto alle nuove generazioni. 6° puntata Un detto ciminnito dice “BABBIA CU I FANTI, MA NU BABBIARI CU I SANTI”.Con questo detto si invitano le persone a scherzare tra commilitoni, amici o compagni di viaggio, ma non con i Santi. Questo detto calza a pennello per un evento accaduto nel 1943, durante l’occupazione americana a Ciminna, presso la chiesa di san Francesco di Paola, in cui alcuni soldati americani si permisero…

Continua a leggere Rosario Priolo ci racconta del soldato americano che nel 1943 si permise di scherzare “cu Santu Patri”.

Ti cuntu un cuntu: A robba di Patri Bonnì.

di *TI CUNTU UN CUNTU – per non dimenticare, rivolto alle nuove generazioni 5° PUNTATA Un detto ciminnitu dice: “A URA DI ROBBA GUARDATI PURU RI TO PATRI CA TI FICI”. Dicasi così quando si procede o si pensa alla spartizione dei beni familiari, che bisogna guardarsi e stare attenti alla loro divisione o assegnazione testamentaria, anche dai familiari più stretti. In questa puntata vi voglio parlare della “robba di Patri Bonnì”, ossia della divisione dell’eredità devoluta per testamento dal…

Continua a leggere Ti cuntu un cuntu: A robba di Patri Bonnì.

U cuntu di “Fra Currau, ca lu tempu lu gabbau”

di *TI CUNTU UN CUNTU – Per non dimenticare, rivolto alle nuove generazioni. 4° puntata. Un detto ciminnitu dice “A GADDINA SI SPINNA MORTA E NO VIVA”. Il detto viene utilizzato come lezione di vita, in quanto delle proprie sostanze, dei propri averi, per non beccarsi una bella fregatura, bisogna spogliarsi dopo la morte e non in vivenza. Il detto si riferisce anche ad una storia paesana realmente accaduta nel XVII° secolo a fra CORRADO BOERI da Noto che visse…

Continua a leggere U cuntu di “Fra Currau, ca lu tempu lu gabbau”

“Pari u rimitu” Rosario ti cunta un cuntu.

di Agorà Ciminna* TI CUNTU UN CUNTU – Per non dimenticare,rivolto alle nuove generazioni – 3° puntata Un detto Ciminnitu dice “PARI U RIMITU”.Dicasi di persona che vive in solitudine, in isolamento, appartato e spesso anche non socievole. Il detto si riferisce anche alla figura del “RIMITU”, romito o frate laico del Terz’ordine Francescano, che per secoli è stato presente a Ciminna nel Romitorio della Chiesa di San Vito Martire al Colle. La chiesa come tutti sappiamo si erge sulla…

Continua a leggere “Pari u rimitu” Rosario ti cunta un cuntu.

Rosario Priolo inaugura “Ti cuntu un cuntu” iniziativa per mantenere viva la memoria storica.

di Agorà Ciminna “Ti cuntu un cuntu” è l’espressione rivolta dai grandi verso i più piccoli per predisporli all’ascolto di un racconto, una storia oppure un semplice aneddoto. Di solito i protagonisti sono dei personaggi del passato, reali o immaginari come ad esempio il famosissimo Giufà. Ma questa non è una vera e propria peculiarità del “cuntu“, altre volte la narrazione può riguardare anche una situazione o molto semplicemente un modo di dire. L’intento di Rosario Priolo è proprio quello…

Continua a leggere Rosario Priolo inaugura “Ti cuntu un cuntu” iniziativa per mantenere viva la memoria storica.